in

Trieste, crolla il tetto della piscina Acquamarina

Poche ore fa a Trieste è crollato il tetto della piscina Acquamarina. Il grave fatto è successo poco dopo le 14.40 di oggi 29 luglio 2019. Fortunatamente al momento del crollo nella piscina non risultava esserci nessuno. Sembra infatti che da ieri, 28 luglio 2019, l’accesso alla piscina sia stato interdetto al pubblico.

trieste piscina crollo tetto

Trieste: crolla il tetto della piscina

Questo pomeriggio ci sono stati ore di grande paura a Trieste. Il tetto della piscina Acquamarina è crollato compresa la parte in vetro a forma di piramide. Sul posto Carabinieri, sanitari del 118 con le ambulanze, Vigili del fuoco e le Forze dell’ordine. Si temeva che ci fossero dei feriti e sul posto sono arrivate diverse ambulanze e anche l’elicottero del 118, compresa la parte in vetro a forma di piramide.

Sul posto Carabinieri, sanitari del 118 con le ambulanze, Vigili del fuoco e le Forze dell’ordine. Ma per fortuna la piscina era chiusa per manutenzione da qualche giorno, dunque nessuno era in acqua in quel momento. La Polizia di Stato riferisce che non ci sono feriti. Pare che all’interno si trovassero 4 operai, che sarebbero riusciti a scappare fuori all’aperto alle prime avvisaglie del crollo, mettendosi in salvo. In atto il sopralluogo dei Carabinieri e dei Vigili del fuoco.

trieste piscina crollo tetto

leggi anche: Ultimi sondaggi elettorali: percentuali dei partiti al 29 luglio 2019

La piscina Acquamarina

La struttura era stata realizzata nel 2000, durante l’ultimo periodo del secondo mandato a sindaco di Riccardo Illy. Sul posto sono giunti anche alcuni assessori del Comune di Trieste come Carlo Grilli, Lorenzo Giorgi, Giorgio Rossi e il vicesindaco Paolo Polidori.

All’interno dell’edificio erano appena iniziati alcuni lavori che, come da fonti sul posto, erano stati affidati alla Zara metalmeccanica, ditta della zona di Mestre. Oltre agli operai sembra fosse presente anche una ragazza che in quel momento si trovava al bar. «Sono stati gli angeli a salvarmi» ha affermato all’uscita poco dopo.

Vinicio Marchioni spiazza i fan: «Ringrazierò tutta la vita mia moglie! È merito suo se…»

ka-bar mario cerciello rega omicidio

Mario Cerciello Rega, l’arma del delitto: Ka-Bar, il pugnale dei marines