in ,

Tripoli sotto assedio: due esplosioni vicino alle moschee, 27 morti e 352 feriti

Tripoli, Libano. Un venerdì di morte e distruzione con l’esplosione di due ordigni: il primo è esploso vicino alla moschea al Taqwa nel quartiere di Zahiriye, durante l’orario della preghiera del venerdì, secondo le fonti della tv libanese Lbc e dalla radio Voce del Libano, ci sarebbero centinaia di feriti. Non lontano da Zahiriye, dove è avvenuta la prima esplosione, proprio nella giornata di giovedì giovedì è stato ucciso in un agguato un miliziano vicino al movimento sciita Hezbollah.

L’altra esplosione è avvenuta invece poco dopo la prima vicino alla moschea Salam nel quartiere di Al Mina, zona porto, non lontano dalla casa dell’ex capo della polizia Ashraf Rifi. La televisione libanese ha mostrato il video delle colonne di fumo, facciate degli edifici, corpi senza vita e veicoli in fiamme. Secondo fonti della zona, si sarebbero uditi anche colpi di arma da fuoco: almeno 27 vittime e 352 feriti. Queste le parole di un testimone, durante un’intervista rilasciata all’agenzia Reuters: “Ho visto sette corpi dentro alle auto bruciate“.
tripoli-libano


Una terra che negli ultimi anni ha visto scontrarsi fazioni armate sunnite, oppositrici del regime siriano di Bashar al Assad, e alawite, schierate con il presidente. Proprio il 15 agosto scorso un attentato ha provocato 24 morti nel sud di Beirut, quartier generale del movimento sciita Hezbollah, le cui milizie combattono in Siria al fianco di quelle di Assad.

Seguici sul nostro canale Telegram

Natalie Dormer

L’attrice britannica Natalie Dormer nei due sequel di “Hunger Games”

Bibite gasate rendono i bambini più aggressivi