in ,

Troppo grassa per la moda: la storia di Agnes Hedengard, la modella sottopeso ma disoccupata

Magrissima e con un fisico tonico e perfetto, ma non basta. Le caratteristiche fisiche di Agnes Hedengard sembrano non andare a genio al mondo della moda, colpa di quei centimetri “di troppo” su fianchi e fondoschiena. Eppure, a ben guardarla, Agnes è ciò che di più lontano si possa paragonare ad una donna curvy. Se n’è reso conto il mondo intero e pure lei che, in un video denuncia su YouTube, ha finalmente deciso di ribellarsi al sistema.

La sua carriera nella moda è iniziata 5 anni fa, nel 2014 il terzo posto al concorso di bellezza “Next Top Model”, ma nonostante l’esperienza e i titoli acquisiti la bella Agnes sarebbe al momento disoccupata. Ed è proprio lei a spiegare i motivi: “Per l’industria della moda sono troppo grassa e non riesco a trovare lavoro”, ha raccontato la modella nel video pubblicato su YouTube. La 19enne sarebbe stata tagliata fuori da alcune collaborazioni dopo aver comunicato le sue misure, di qualche centimetro più abbondanti ma certamente più umane di molte sue colleghe.

La parte più incredibile di questa storia è che Agnes Hedengard è una ragazza sulla soglia del sottopeso: il suo indice corporeo è infatti di 17,5. Mentre il range di una fisicità normale è tra i 18,5 e i 24,5. “Amate voi stessi. Non lasciate che gli altri vi facciano cambiare”, è il messaggio finale della bella Agnes, consapevole del fatto che la moda abbia seriamente esagerato con lei, almeno stavolta.

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

le corbusier

Le Corbusier opere e frasi: 50 anni dalla morte dell’architetto sapiente

Pensioni 2017 ape sociale e Quota 41 alla Corte dei Conti Giuliano Poletti ministro del Lavoro

Riforma pensioni 2015 ultime novità: flessibilità in uscita e staffetta generazionale, Giuliano Poletti riporta l’attenzione sui conti pubblici