in

Come trovare lavoro: 10 consigli utili per cercare il primo impiego o ricollocarsi

Trovare lavoro in questi ultimi anni è diventato molto complicato. Non solo è cambiato il mercato, ma anche le priorità delle aziende che cercano professionisti. Per essere considerati appetibili, infatti, servono qualità diverse rispetto al passato. Bisogna seguire le regole del mercato e cercare, come si dice in molti casi, di cavalcare l’onda. A questo proposito, la società Intoo di Gi Group ha stilato una lista di dieci consigli molto utili che vale la pena di seguire quando si vuole trovare lavoro.

Comprendere il mercato del lavoro: questo significa, prima di tutto, essere flessibili, reinventarsi il più possibile e, soprattutto, conoscere tutte le tipologie di contratto esistenti.

Arrivare preparati al colloquio di lavoro: non si tratta, quindi, di navigare sul sito della società che ci interessa. Bisogna studiarla, capirne gli obiettivi, i problemi ancora da risolvere. Parlare con chi ne fa già parte, è un ottima strategia.

Curare il networking: con l’era digitale, anche il nostro profilo lavorativo può essere messo in rete. Si tratta di un biglietto da visita irrinunciabile e che bisogna curare in ogni dettaglio per risultare appetibili.

Curare l’immagine virtuale: i principali canali social sono un’opportunità che deve essere necessariamente sfruttata. Bisogna curare l’immagine che diamo di noi nel web e renderla professionale.

Preparare un curriculum efficace: riuscire a presentarsi distinguendosi dalla massa dovrebbe essere uno degli obiettivi primari di chi cerca lavoro. Mandare o caricare su varie piattaforma il proprio curriculum senza avergli dato un’impronta in grado di distinguerlo dagli altri è un po’ come non averlo scritto affatto.

Adottare strategie diverse in base al tipo di contatto: un esempio molto semplice è proprio il curriculum. Non serve  a nulla mandarlo a una ditta meccanica se come profilo avete quello del cameriere. Al contrario, se avete svolto lavori molto diversi, è buona norma scrivere diversi curriculum, ognuno specifico per ogni mansione.

Traccia un perimetro di azione: capire quanto siete disponibili alle trasferte, quanto volete guadagnare, che tipo di lavoro volete fare, sono i primi passi per avere una situazione d’insieme.

Conoscere punti deboli e punti di forza: conoscere i propri limiti significa capire fin dove è possibile arrivare e quali obiettivi si possono raggiungere. Allo stesso modo, sapere il nostro punto debole può indicarci la strada giusta da percorrere.

Definire il progetto lavorativo: oltre a comprendere cosa si vuole fare, è necessario essere capaci di esporlo. Preparate un colloquio standard con un discorso di almeno 7 minuti, può aiutare a definire in poco tempo il proprio profilo e a descriverlo durante il colloquio di lavoro.

Chiedere un aiuto a dei professionisti: sia che riguardi le nuove dinamiche di mercato, sia che riguardi una semplice consulenza per presentarsi al meglio nel mondo del lavoro, non bisognerebbe mai negarsi un aiuto.

omicidio pordenone news

Omicidio Pordenone, Giosuè Ruotolo: no a patteggiamento per la ex fidanzata Rosaria

schianto treno in new jersey news

Incidente ferroviario in New Jersey: 1 morto e circa 100 feriti, ipotesi errore umano