in

Tullio Solenghi a “Vieni da me” ricorda il primo incontro con Anna Marchesini: «Una roba da accapponare la pelle!»

Quanti di noi hanno riso guardando gli incredibili sketch del Trio composto da Tullio Solenghi, Massimo Lopez e Anna Marchesini? Come dimenticare la memorabile parodia de I Promessi Sposi? Grasse risate che sanno di nostalgia. Ospite del programma Vieni da me è stato oggi Tullio Solenghi, attore e doppiatore di successo, 71enne, che ha svelato qualcosa del suo privato, fatto un bilancio della sua carriera e ricordato l’adorata collega Anna Marchesini, scomparsa ad Orvieto il 30 luglio del 2016.

Tullio Solenghi il ricordo struggente di Anna Marchesini

Con tenerezza Tullio Solenghi ha ricordato il primo incontro con la Marchesini: «Dovevo arrivare in Rai per un programma della Svizzera italiana. Vedo questa ragazza che sta un po’ per conto suo e sento questa voce che aveva mille colori, una roba da accapponare la pelle. Ho pensato che era un prodigio. Da lì è nata una grande amicizia. Dopo 3 mesi la compagnia si è sciolta e una settimana dopo le scrissi che mi ripromettevo di lavorare insieme a lei e così accadde due anni dopo!». Davvero una forte amicizia, un legame solido e sincero tra i due, spezzato dal destino, dalla morte della poliedrica attrice sopraggiunta per l’aggravarsi delle sua artrite reumatoide.

Tullio Solenghi ospite a “Vieni da me”: dagli amori giovanili alla carriera

Tullio Solenghi, reduce dal successo della fiction L’allieva 2, dove ha interpretato Il Supremo, ha parlato poi dei suoi amori giovanili: «La mia prima fidanzata si chiamava Maia: è stata una delle ultime che ho avuto prima di quella che adesso è ancora mia moglie. Ho avuto poche donne perché facevo ridere e se ne andavano: stando a quello che dicono ora le donne sugli uomini che le fanno ridere devo dire che ho sbagliato epoca» e della sua prima auto: «Era una Cinquecento rossa. Me la diedero in un giorno di pioggia con la cappotta aperta!». L’attore, noto anche per aver doppiato Scar, il fratello cattivo nel capolavoro Disney, Il Re Leone, ha dichiarato poi di essere poco tollerante sul lavoro. Senza mezzi termini Tullio Solenghi ha affermato: «Sul lavoro sono “rompicog**oni”. Odio l’approssimazione!».

(Foto Twitter Account Ufficiale ‘Vieni da Me’)

leggi anche l’articolo —> Sandra Milo a “Storie Italiane”: «Per pagare i debiti mi sono concessa ad un uomo!»

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

WhatsApp grave falla di sicurezza: va fatto subito aggiornamento

Fedez, il regalo di compleanno per Chiara Ferragni scatena gli haters