in

Tumore al seno: colpisce una donna su otto, le linee guida degli esperti

Una donna su otto è colpita da tumore al seno. Ogni anno i casi diagnosticati sono circa 50 mila e tra di essi, ben sei mila appartengono a donne al di sotto dei 40 anni di età e rappresenta il 30 per cento di tutti i tumori che compaiono nelle donne. Si tratta del ‘big killer’ delle neoplasie, ma se diagnosticato in tempo la percentuale di guarigione è del 95 per cento.

->CANCRO AL SENO: SCOPRI TUTTI GLI APPROFONDIMENTI SU URBANPOST

Il tumore al seno può insorgere a qualsiasi età, sia dopo che prima della menopausa ed è anche il più frequente. I picchi si registrano fra i 50 e i 70 anni, ma l’incidenza aumenta con l’avanzare dell’età. Come per le altre neoplasie, vi sono alcuni segnali da non sottovalutare mai: ogni tipo di tumefazione palpabile sul seno, ad esempio, la comparsa di noduli ascellari, modificazioni della pelle e della forma della mammella, retrazione del capezzolo. Sono tutte situazioni che devono essere indagate per tempo da uno specialista. Vi sono, poi, dei rari casi in cui può esserci la comparsa di liquidi e secrezioni ematiche.

Esistono, inoltre, alcuni fattori di rischio possono essere molti e riguardare sia mutazioni genetiche che età e genere. Un mito da sfatare, invece, riguarda i casi di tumore al seno negli uomini: secondo i dati, infatti, almeno uno ogni 500/600 individui, con l’avanzare dell’età, può sviluppare la neoplasia. Per ciò che concerne la gravidanza, purtroppo un tumore al seno può comprometterla. Le terapie contro questo tipo di neoplasia, infine, sono molto diverse a seconda dei casi: il trattamento viene scelto in base all’età, allo stadio del tumore e comunque è molto individuale.

[dicitura-articoli-medicina]

ryanair assunzioni 2017

Ryanair assunzioni 2017: posizioni aperte per assistenti di volo, ecco come candidarsi

freddy sorgato ricrso in appello

Omicidio Isabella Noventa, nuova intercettazione inchioda Freddy: “Non è stata uccisa a casa mia”