in ,

Mammografie gratuite nel Lazio, ecco dove farle

La prevenzione, come per qualsiasi altra malattia, è fondamentale nei casi di tumore al seno. Ogni anno, in Italia, sono circa 50 mila i casi di donne che si ammalano di tumore al seno, 1 su 8 all’incirca. Le cause sono molteplici: gioca un ruolo molto importante il fattore genetico, ma anche l’età e lo stile di vita. Come è facilmente intuibile, alcuni dei fattori di rischio appena citati non sono modificabili, come l’età o il fattore ereditario. Ecco perché è importante la prevenzione, che comprende una serie di esami mirati. Molte di voi, a causa del ridotto budget economico, non hanno avuto la possibilità di sottoporsi a esami specifici. Nel caso specifico della regione Lazio, sappiate che è possibile prenotare esami in modo assolutamente gratuito.

Le donne che hanno tra i 20 e i 40 anni dovrebbero effettuare una semplice visita annuale del seno, senza ulteriori controlli, nel caso sia tutto nella norma. Chi invece supera i 40 anni deve cominciare a sottoporsi a visite e controlli più mirati, come mammografia ed ecografia, soprattutto se ci sono già casi di tumore al seno in famiglia. Nel Lazio, per fare la mammografia, si deve contattare l’Asl di competenza e informarsi riguardo i percorsi di screening gratuiti.

Sul sito della regione Lazio, vi è una lista completa di esami gratuiti adatti alla prevenzione e alla diagnosi precoce delle diverse patologie. Tra i 3 percorsi di screening gratuiti vi è quello rivolto alla prevenzione del tumore alla mammella, per le donne tra i 50 e i 69 anni. La regione Lazio ha assicurato che il programma gratuito è rivolto anche alle donne nelle fasce di età 45-49 e 70-74 anni, che hanno la possibilità di prenotare una mammografia o un’ecografia. Per conoscere il numero verde dell’Asl di competenza, è necessario visitare il sito della regione Lazio.

Photocredit: Cristina Muraca / Shutterstock.com

Morto il “Ken umano”: Celso Santebanes non ce l’ha fatta

Caso Domenico Maurantonio news

Morte Domenico Maurantonio, mistero Dna: l’avvocato di famiglia annuncia svolta