in

Tumore alla prostata: parassita dei gatti potrebbe causarlo? Ecco la verità

Non si conoscono ancora perfettamente le cause del tumore alla prostata. I ricercatori, ad oggi, hanno individuato alcuni fattori di rischio: età avanzata, stile di vita, etnia, stile di vita, infiammazioni. Ora, però, sembra che una causa concreta ci sia: un parassita presente nelle feci dei gatti. I felini domestici ne sarebbero i portatori e questo parassita, una volta giunto nel corpo umano, sarebbe in grado di infiammare la ghiandola prostatica.

TUMORE ALLA PROSTATA: SINTOMI, CAUSE E CURE EFFICACI

Lo studio è stato condotto dagli esperti dell’Università di Indiana, negli Stati Uniti e hanno dimostrato come la Toxoplasmosi non sia pericolosa solo per donne in stato di gravidanza, ma anche per gli uomini. Un’infiammazione cronica della ghiandola prostatica, infatti, può essere un fattore di rischio per il tumore alla prostata. Questo parassita, però, non è presente solo nelle feci dei gatti.

Il parassita può essere contratto anche mangiando pesce crudo, carne curda oppure frutta e verdura non lavate correttamente. Non vi è comunque motivo di allarmarsi, secondo gli esperti. Infatti: “Non è necessario per questo liberarsi del micio domestico. Basta prendere le dovute precauzioni quando si pulisce la lettiera e rispettare le comuni norme igieniche“.

[dicitura-articoli-medicina]

svizzera nucleare

Svizzera e nucleare, stop a nuove centrali dal 2050: è davvero una rivoluzione?

Consultazioni Governo 2018

Anniversario Strage di Capaci, Mattarella ricorda Giovanni Falcone: “Per lui la mafia non era invincibile”