in

Tumore alla prostata sintomi, ecco quelli da non sottovalutare

Il tumore alla prostata è in pericoloso aumento, specialmente dopo i 50 anni. E’ il rischio sottolineato dall’Associazione Urologi Italiani, il cui presidente Michele Gallucci ha affermato: “E’ fondamentale che gli uomini riconoscano i sintomi della malattia che avanza e parlino subito con l’oncologo, l’urologo o il radioterapista che li ha in cura, in modo da poter iniziare subito la terapia più efficace nel loro caso con due scopi: bloccare l’evoluzione del cancro e mantenere una buona qualità di vita, senza dolore o altri disturbi, con vantaggi anche sull’allungamento della sopravvivenza“. La sopravvivenza è abbastanza alta ed in costante aumento, in prevalenza grazie alla diagnosi precoce e alle nuove terapie: è dunque di fondamentale importanza accorgersi immediatamente dell’insorgere dei primi sintomi.

I sintomi, quasi sempre ignorati, sono stanchezza cronica, dolore alle ossa, debolezza, disturbi urinari, difficoltà a dormire o a svolgere le normali attività quotidiane. Questi sono i campanelli d’allarme che dovrebbero portare i pazienti a rivolgersi immediatamente all’oncologo. Invece, circa la metà dei possibili pazienti convive con il tumore alla prostata già in fase avanzata, ignorandone gli indizi e i sintomi.

Il tumore della prostata può non essere sintomatico nelle fasi iniziali, ma avvisaglie come dolore grave o inspiegabile, difficoltà nel camminare, nel salire le scale o ad addormentarsi e perdita del controllo vescicale possono manifestarsi quando la malattia progredisce – sostiene Giuseppe Procopio, responsabile all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano -. Questi disturbi dovrebbero indurre gli uomini a rivolgersi al proprio medico senza perdere tempo. Lo stadio del tumore prostatico è uno dei più importanti fattori nel determinare le opzioni di trattamento e le prospettive di recupero. La diagnosi precoce dei sintomi può non solo rallentare la progressione della malattia, ma anche potenzialmente migliorare la qualità di vita dei pazienti e avere un impatto positivo sui loro cari“.

FIGC calcio femminile serie a

Calcio femminile, ammonite le giocatrici di Brescia e Verona per striscione di protesta

Formula 1 GP Monza 2016 gara

Formula 1, pubblicato il calendario del 2016