in

Tumore: chemioterapia sparata nel cervello, cura sperimentale con risultati incredibili

In Canada, a Toronto, il Sunnybrook Health Sciences sta sperimentando una nuova modalità di somministrare la chemioterapia ai pazienti malati di tumore che sta avendo dei risultati incredibili. I farmaci chemioterapici arriverebbero così direttamente al cervello superando la barriera emato-encefalica in maniera non invasiva.

Delle piccole bolle di gas sono state iniettate nel sangue e”spinte” fino al cervello mediante un fascio di onde a ultrasuoni. Questa nuova modalità di cura aprirebbe degli scenari di possibili cure anche per Parkinson, epilessia e demenza. Al momento i risultati incoraggianti sono arrivati dai test effettuati sugli animali da laboratorio, i ricercatori però puntualizzano: “Non è ancora chiaro se la terapia provoca o meno effetti collaterali e pertanto servirà una nuova fase di sperimentazione“.

Bonny Hall, 56enne che da otto anni combatte farmacologicamente il cancro al cervello, è stata la prima tester di questa cura sperimentale. Ora si attende il prelievo che i medici faranno di una porzione del tumore al cervello della Hall per constatare gli effetti della somministrazione mediante microbolle di gas.

Seguici sul nostro canale Telegram

francesco facchinetti

Francesco Facchinetti intervista su Stonex One e sugli altri progetti collaterali

ricette la prova del cuoco

Ricette Anna Moroni a La prova del cuoco: involtini al sugo