in

Tumori: diagnosticarli tramite cioccolato e zuccheri

Il cioccolato, le bevande gassate e tutti gli altri cibi contenenti zuccheri potranno, nel giro di soli 18 mesi, essere utilizzati per stanare i tumori. Infatti, secondo uno studio di alcuni ricercatori dell”University College di Londra è possibile identificare masse tumorali sulla base della quantità di zucchero assorbita dall’organismo, la quale salirà considerevolmente in presenza di tumori maligni.

Tutto questo perchè dopo un’ingestione di zuccheri, i tumori diventano luminescenti e saranno facilmente individuabili attraverso una risonanza magnetica. Una scoperta che promette di rivoluzionare la procedura medica finora utilizzata: nessuna radiazione dannosa, nessuna iniezione e, quindi, ridotti all’osso gli effetti collaterali. Basterà, invece, la metodica “Gluco-CEST“: il paziente dovrà consumare semplicemente un alimento o bevanda zuccherata, che andrà a nutrire il tumore, il quale necessita di maggiori quantità di glucosio, rispetto ai tessuti sani, per crescere.

cancro

Vantaggi di questa nuova tecnica si riverseranno anche sul piano pratico, per i costi ridotti, e perchè sarà possibile effettuarli anche su donne in stato di gravidanza e bambini, con un frequenza maggiore, soprattutto in quei casi in cui si segue lo sviluppo del tumore e la sua risposta rispetto ad un trattamento medico.

Responsabile dello studio è Mark Lythgoe, il quale ha sottolineato come non è necessario nessun perfezionamento della tecnica, in quanto efficace così come è, ed  auspica che gli ospedali comincino ad utilizzarla quanto prima. Nei prossimi mesi, diagnosticare un tumore sarà molto più semplice e “dolce”.

Amici di Maria De Filippi: nuovo singolo per Sarah Jane Olog

J.K. Rowling e il giallo scritto sotto pseudonimo:
 da flop a boom grazie alla rivelazione dell’autrice