in

Tumori in calo in Italia: un milione di persone guarite

Finalmente è arrivata una buona notizia per quanto riguarda la salute in Italia. Grazie alle numerose campagne di prevenzione e alle terapia, per la prima volta in Italia, i casi di tumore sono in calo. Una notizia che non passa di certo inosservata. Questa notizia è stata data dall’Associazione italiana di oncologia medica “Aiom”  attraverso il rapporto ‘I numeri del cancro 2019’, elaborato dall’Associazione stessa insieme alle associazioni Airtum, Passi e Siapec. La sopravvivenza a 5 anni più alta si registra, per gli uomini, in Valle D’Aosta (61%), Emilia-Romagna e Toscana (56%) e, per le donne, in Emilia-Romagna e Toscana (65%).

Leggi anche –> Ranitidina, l’Aifa vieta l’uso di diversi lotti di farmaci gastroprotettori

Tumori in Italia in calo

Per la prima volta il numero di casi di tumori registrati in Italia è in calo. Nel 2019 sono stati registrati 371 mila casi. Ben 2 mila diagnosi in meno rispetto al 2018, anno in cui si erano invece registrate 4 mila nuove diagnosi in più rispetto al 2017. Questo calo è stato segnalato dall’Associazione italiana di oncologia medica “Aiom”. Questa inversione di tendenza però non è casuale. Le terapie sempre più all’avanguardia e soprattutto le campagne di prevenzione e sensibilizzazione al problema hanno contribuito in maniera decisiva. La sopravvivenza, dopo la diagnosi di tumore, è nettamente in aumento: il 63% delle donne e il 54% degli uomini sono vivi a 5 anni dalla scoperta della malattia. Traguardi che fanno ben sperare per gli anni futuri. Continuare su questa scia porterebbe a risultati sempre più positivi.

Dati che fanno ben sperare

Stefania Gori, Presidente Nazionale dell’Aiom, come riportato dal Corriere della Sera, ha dichiarato: «I dati  indicano che l’incidenza dei tumori è in riduzione in entrambi i generi. Il tumore della mammella si conferma il più frequente nella popolazione, in crescita soprattutto nelle aree del Centro-Nord per l’estensione dei programmi di screening e della popolazione invitata a fare la mammografia: non è però un fenomeno negativo. In pratica vengono individuati in fase iniziale e con alte probabilità di guarigione molti tumori che, senza lo screening, sarebbero stati scoperti in stadio avanzato». Massimo Rugge, presidente AIRTUM, ha precisato: «Il numero di nuovi casi decresce progressivamente dall’Italia del Nord a quella meridionale e insulare. Nel maschio, l’incidenza è più bassa al Centro e ancor più basso al Sud. E lo stesso andamento si conferma nel genere femminile».

Leggi anche –> Emma Marrone malattia, su Instagram rompe il silenzio dopo l’annuncio dello stop

Immagini di repertorio 

Che cos’è il Deepfake, la nuova frontiera della fake news?

Cesena due suicidi ravvicinati, paura per i nostri giovani: vale davvero tanto poco la vita?