in ,

Tunisia, attentato spiaggia Sousse: la storia dell’eroe che ha protetto la sua fidanzata

Senza che sia passata ancora la paura, dopo un giorno di sangue e terrore, oltre che ai racconti che riguardano quanto accaduto nei quattro attentati dell’Isis fra Francia, Tunisia, Kuwait e Somalia, iniziano ad emergere racconti positivi. Dalla spiaggia di Sousse, in Tunisia, luogo di un feroce attentato contro i turisti stranieri, giunge la storia dell’eroe che ha protetto la sua fidanzata facendole scudo con il suo corpo e prendendosi così ben tre pallottole.

Mentre uno degli attentatori, quello che in molti hanno descritto arrivare in spiaggia con il kalashnikov nascosto nell’ombrellone e pronto a mimetizzarsi con i turisti grazie ai pantaloncini corti e alla borsa da mare, sparava all’impazzata contro tutto e tutti, Matthew James, un giovane gallese di 30 anni ha salvato la vita alla sua amata Saera ricevendo però un proiettile al petto, uno all’anca e uno alla spalla. Nonostante la paura dei primi istanti e il sangue che scorreva a fiumi, Matthew si è comunque salvato. I proiettili non hanno colpito parti vitali e la coppia potrà continuare a rimanere più unita che mai.

A raccontare la storia, l’atto eroico del suo uomo, è stata proprio Saera che alla Bbc ha detto: “Gli devo la vita, si è gettato di fronte a me non appena hanno cominciato a sparare. Era coperto di sangue, ma mi diceva solo di scappare”. Come tutti gli altri turisti presenti negli hotel limitrofi, anche la coppia non vede l’ora di poter scappare via da quel luogo dove è avvenuto il massacro e dove i lettini della spiaggia si sono trasformati in vere e proprie bare.

Attentato Kabul Afghanistan Oggi

Attentati Isis in Tunisia e Francia, chi sono gli attentatori della Giornata del Terrore

Strage Sousse ultime news

Terrorismo Paesi a rischio: Farnesina, i luoghi da evitare dopo il tragico venerdì di terrore