in ,

Tunisia: nave militare sperona barcone carico di migranti, strage in mare

Tunisia, nave militare sperona barcone carico di migranti: sarebbero almeno 8 i corpi senza vita recuperati in mare. Circa una decina i dispersi, secondo le indiscrezioni dell’ultim’ora. Si tratta ovviamente di un bilancio ancora provvisorio quello relativo alla tragedia occorsa oggi 9 ottobre nella nuova rotta degli sbarchi, tra Tunisia e Sicilia.

A causare il naufragio del peschereccio, secondo le informazioni trapelate, sarebbe stata una nave militare tunisina. A bordo del barcone si stima ci fossero una settantina di migranti partiti dalle coste di Sfax. Intorno alle 2 della scorsa notte la nave non si sarebbe accorta del barcone, che procedeva a luci spente, e lo ha speronato.

Al momento tuttavia non si conoscono con esattezza le dinamiche della collisione, che avrebbe avuto conseguenze ancora più gravi di quelle verificatesi, se non fosse stato per il pronto intervento dell’equipaggio a bordo della nave militare. I migranti che viaggiavano sul peschereccio, per la maggior parte di nazionalità tunisina, si sarebbero gettati in mare poco prima dell’impatto e sono stati tratti in salvo, eccezion fatta per 8 di loro che non ce l’hanno fatta.

Potrebbe interessarti anche —> Treviso investita sulle strisce: mamma Antonella muore per salvare i suoi figli

Il peschereccio secondo l’ultim’ora sarebbe partito dalla Tunisia all’imbrunire di ieri, e quando è stato speronato pare si trovasse già nel mare di Malta. Sarebbe arrivato questa mattina sulle coste dell’Agrigentino, zona dove quasi ogni giorno sbarcano decine e decine di migranti. L’imbarcazione speronata è affondata e sono ancora in corso le ricerche dei dispersi.

Le operazioni di soccorso, coordinate dalle autorità di Malta, vedono partecipare anche l’Italia attraverso l’intervento di due motovedette della guardia costiera salpate da Lampedusa, una motovedetta della guardia di finanza e una nave della Marina militare. (Immagine di repertorio)

Personale Ata 2017

300mila ore di alternanza scuola-lavoro per 20mila studenti di tutta Italia

omicidio marco vannini ciontoli sospeso

Morte Marco Vannini news processo, il pessimismo della madre: “Non sapremo mai la verità”