in ,

Turchia, assalto armato al pullman del Fenerbache

Non finisce la scia del terrore in Turchia. In nottata il pullman che trasportava la squadra di calcio del Fenerbahce è stato infatti colpito da spari di arma da fuoco per mano di un gruppo armato, a pochi giorni dal sequestro del procuratore Mehmet Selim Kiraz e dall’assalto armato alla sede del partito del Presidente Erdogan, a Istanbul.

Nell’assalto di ieri notte, l’autista del pullman è rimasto ferito al volto ed è stato portato all’ospedale in condizioni gravi, mentre nessuno dei calciatori è stato colpito. L’attacco è avvenuto nella zona del mar Nero, dopo la vittoria del club per 5-1 sulla squadra del Caykur Rizespor, mentre la squadra si stava dirigendo verso l’aeroporto di Trabzon per rientrare a Istanbul. “Volevano ucciderci tutti. Il pullman era su un viadotto e se l’autista ferito non fosse riuscito a fermare il mezzo saremmo caduti tutti di sotto”, ha detto il vicepresidente del club di Istanbul Mahmut Uslu.

Al momento si ipotizza che l’assalto sia opera di tifosi di una squadra rivale, ma non ci sono certezze. E’ dura la riprovazione dell’atto da parte della Federazione Calcistica Turca, che lo condanna “nei modi più forti possibili” e chiede che venga fatta al più presto giustizia contro gli autori dell’attentato.

Basket Serie A

Basket Serie A: Metta fa volare Cantù, vince Reggio Emilia

serie a risultati

Risultati e classifica di Serie A, solita Juve, Roma e Lazio volano, affondo Napoli, Milan on, Inter off