in ,

Turchia fallito colpo di Stato, Erdogan torna a Istanbul: “I colpevoli pagheranno”

Golpe fallito. Non è riuscito il colpo di Stato in Turchia contro il presidente Recep Tayyip Erdogan messo in atto dall’Esercito.

La lunga notte di guerriglia (carri armati che sparavano sul Parlamento ad Ankara, jet che facevano fuoco sui civili) nel Paese si è infatti conclusa con il rientro del presidente – dato in fuga per ore a bordo di un aereo privato, dal quale avrebbe chiesto asilo (negato) alla Germania e forse anche alla Inghilterra atterrato a Istanbul e accolto dalla folla festante.

La rivolta dei golpisti è durata circa 5 ore, con scontri a fuoco tra polizia e militari, ma poi il ministro degli Interni, Efkan Ala, ha dichiarato “sventato” il colpo di Stato e “arrestati” i ribelli. Il leader della Turchia, rimasto dunque tale, durante la sua fuga ha invitato i cittadini a scendere in piazza e “rimanere uniti”.

Ripristinato l’ordine preesistente con il suo rientro a Istanbul, restano i numeri di un bilancio ancora parziale e provvisorio di questo sanguinoso tentativo di colpo di Stato fallito: 200 morti, più di 1000 feriti e oltre 1500 militari ribelli arrestati.

“Voglio ringraziarvi per quello che avete fatto stanotte a nome mio e delle nazione” – ha dichiarato al suo rientro, Erdogan, all’esterno dell’aeroporto Istanbul davanti alla folla che lo acclamava“i colpevoli pagheranno duramente per aver attentato all’unità e alla sovranità nazionale”.

 

pokemon

Pokémon Go Italia download Android e iPhone: consigli, requisiti e problemi dell’app

oggi giocherebbero così Serie A

Calciomercato oggi giocherebbero così, 16 luglio: probabili formazioni Serie A 2016-2017