in ,

Turchia, uomo armato assalta la sede del partito di Erdogan

Dopo il sequestro del procuratore Mehmet Selim Kratz, finito ieri sera nel sangue, la Turchia vive oggi un altro giorno di terrore. Secondo le informazioni giunteci dal quotidiano turco Hurriyet, un uomo armato si è infatti introdotto in mattinata nella sede del quartiere Kartal di Istanbul dell’AKP, il partito islamico del presidente Recep Tayyip Erdogan. L’assalitore è stato arrestato dopo una mezz’ora di tensione in un blitz delle Forze Speciali Turche: non ci sono feriti.

L’uomo, dopo essere entrato nell’edificio, aveva ordinato a tutti i presenti di uscire. Raggiunto il settimo piano del palazzo, aveva rotto i vetri di una finestra, esponendovi una bandiera, che oltre ai simboli di quella ufficiale turca (la mezzaluna e la stella) recava l’effigie di una spada. Non è ancora chiaro il motivo che lo ha spinto a tale atto, e rimane incerta per il momento anche la sua appartenenza. “L’attacco era un tentativo di minare il processo di pace con i militanti curdi“, ha dichiarato il presidente turco Erdogan.

Nel frattempo, si viene a sapere dall’agenzia turca Anadolu che sono stati arrestati stamane tra le città di Antalya, Smirne ed Eskisehir  29 attivisti di estrema sinistra vicini all’organizzazione marxista Dhkp-C, della quale facevano parte i due attentatori del sequestro di ieri.

Valeria Marini GF Vip

Valeria Marini a Porta a Porta: notizie sull’annullamento del matrimonio con Cottone

festa di compleanno alcuni giochi per bambini

Giochi per bambini, come animare una festa di compleanno per i più piccoli