in ,

Uccisione Davide Bifolco, lo sfogo dei suoi familiari: “Non tutta la verità è stata detta”

Davide Bifolco è stato ucciso il 5 settembre scorso; un colpo di arma da fuoco sparato da un carabiniere che lo inseguiva per non essersi fermato ad un posto di blocco, nel Rione Traiano di Napoli, gli ha tolto la vita. Sul mezzo con il giovane 17enne, anche un latitante, Arturo Equabile. Dopo il suo arresto, avvenuto il 19 settembre scorso davanti a un bar di Casoria, in provincia di Napoli, dove il 23enne aveva appuntamento con la fidanzata, ecco che tornano a farsi sentire i parenti della vittima.Equabile latitante arrestato

Secondo l’Arma, c’era proprio Equabile in sella allo scooter sul quale si trovava Davide, quella notte tra il 4 e 5 settembre. Ma sulla faccenda il cugino e lo zio del giovane ucciso chiedono maggiore chiarezza, sentono l’esigenza di sottolineare il bisogno di verità. Perché tutto non è ancora stato detto, ne sono convinti. “Davide non ha mai avuto una moto. Lo scooter che è stato sequestrato è di colore grigio scuro ed è di proprietà di Salvatore Triunfo, uno dei ragazzi che si trovavano sul mezzo”, ribadisce con forza Gianluca Muro, portavoce della famiglia Bifolco. Per Muro quella sera Equabile non poteva trovarsi sulla moto di Davide visto Davide non possedeva alcuna moto.

La famiglia del giovane 17enne chiede quindi che sia accertata la proprietà del mezzo su cui si trovava Davide quella sera, che vengano presi in considerazione anche i tabulati telefonici e le impronte digitali lasciate sul mezzo. “È possibile fare subito un riscontro visto che la moto è sequestrata. Si può accertare il particolare della proprietà ma anche il fatto che su quella moto, che Davide non guidava, il ragazzo non era con Equabile ma con un altro giovane”. Attraverso il suo legale, Fabio Anselmo, la famiglia di Davide fa inoltre sapere di avere intenzione di chiedere che le indagini vengano delegate a un’altra forza di polizia, affinché sia garantita assoluta imparzialità nella ricerca della verità.

Riccardo Muti lascia il Teatro dell'Opera

Riccardo Muti: addio al Teatro dell’Opera, niente “L’Aida” e “Le Nozze di Figaro”

matrimonio Elisabetta Canalis

Elisabetta Canalis post-matrimonio in dolce attesa? L’abito “allargato” e i commenti sulla mise di Belen Rodriguez