in ,

Ucraina: tensione e scontri a Kiev, 4 morti e 150 feriti

A Kiev, la protesta più forte è avvenuta davanti al Parlamento tra antigovernativi e polizia: si sono contati quattro morti e centocinquanta feriti. Negli scontri di oggi il bilancio è stato tragico con tre manifestanti e un poliziotto rimasti uccisi da armi da fuoco. Per quanto concerne i feriti, l’unità ospedaliera di Kiev, ha fatto sapere che la maggior parte dei feriti è stata causata da ordigni deflagranti, mentre una trentina di persone sono in condizioni più gravi per delle ferite riportate alla testa. proteste a Kiev

Molti manifestanti antigovernativi si erano assiepati sotto la sede del Partito delle regioni del presidente Viktor Yanikovych a Kiev, assaltandolo con il lancio di pietre e bottiglie incendiarie, danneggiando parte dell’edificio. Violenti scontri si sono avuti davanti al Parlamento Ucraino che oggi doveva rivedere la riforma costituzionale che dovrebbe ridurre i poteri presidenziali. Molti agenti hanno impedito che migliaia di dimostranti si avvicinassero al Parlamento. La tribuna del Parlamento è stata bloccata dai deputati dell’opposizioni perché la riforma proposta di ridurre i poteri del Capo dello Stato non era in agenda.

Il Ministero degli Esteri di Mosca fa presente, in un comunicato, che ciò che sta succedendo è conseguenza diretta della “politica di connivenza fra l’Occidente e le agenzie europea che hanno sempre minimizzato le azioni aggressive delle forze radicali ucraine sin dall’inizio della crisi. La Nato, tramite il Segretario Generale, in una nota fa appello alle parti per fermare la violenza e riprendere il dialogo.  

 

 

 

teledermatologia

Teledermatologia: le visite della pelle si fanno con una App

molecola killer

AH-7921, nuova droga sintetica: la molecola killer acquistabile online