in ,

Ucraina: ucciso il fotoreporter italiano Andy Rocchelli (video)

La Farnesina ha confermato la morte del fotoreporter italiano Andy Rocchelli, ferito gravemente da un colpo di mortaio, ieri pomeriggio, nei pressi di Sloviansk. Originario di Piacenza appena trentenne da giorni, Rocchelli si trovava in Ucraina insieme al traduttore Andrei Mironov, morto anche lui.

Andy Rocchelli nel 2009 aveva fondato Cesura, un collettivo con altri quattro fotografi, ed era molto conosciuto per aver lavorato per molti riviste internazionali. Il giornalista italiano si trovava a bordo di un’auto con l’interprete e ad un altro giornalista francese, William Rougelon dell’agenzia Wostok Press, anch’egli ferito, ma sopravvissuto miracolosamente. Rougelon ha raccontato che avevano cercato riparo in un fossato, dopo che colpi di Kalashnikov cadevano poco distanti dal loro convoglio. Un colpo li ha raggiunti proprio nel rifugio che si erano cercati, il francese pur ferito è riuscito a raggiungere l’ospedale, mentre Rocchelli e Mironov sono rimasti immobili nel fossato.

Sloviansk è l’area più pericolosa della regione di Donetsk, in vista del voto delle presidenziali di oggi, per giorni i ribelli separatisti hanno terrorizzato gli abitanti per cercare di impedire le votazioni. Nei giorni scorsi era stato diramato l’appello per la salvaguardia dei giornalisti presenti in Ucraina, soprattutto dopo il sequestro di alcuni reporter russi, due dei quali ancora nelle mani dei sequestratori, filo-Kiev, secondo fonti russe.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Expo Paesi Partecipanti

Expo 2015: la Svizzera proporrà un referendum per non partecipare a causa delle tangenti?

Elezioni europee 2014: come si vota?