in

Ultime notizie calciomercato Napoli: Pocognoli è il nome nuovo

Ieri l’incontro fra Benitez e il presidente De Laurentiis ha concepito i suoi frutti. Il presidente ha affermato che si deve continuare sulla stessa linea delle ultime due vittorie, mentre l’allenatore ha fatto le sue richieste per quanto riguarda il mercato. Per Benitez il reparto da rinforzare è la difesa e in particolare il ruolo del terzino. Il nome nuovo uscito fuori dal summit fra i due è quello di Sebastien Pocognoli, esterno sinistro che può agire anche da terzino, classe ’87 appartenente al West Bromwich e compagno di nazionale di Dries Mertens.

pocognoli

Benitez lo vuole, è un calciatore che segue da tempo e la trattativa non sarebbe difficile. Pocognoli si è trasferito quest’anno al West Bromwich dopo l’esperienza all’Hannover, dove aveva giocato molto poco. In Premier è diventato titolare, ma se il Napoli fa sul serio, la squadra inglese non può resistere. Attualmente il cartellino del calciatore è valutato sui tre milioni, il West Brom potrebbe chiedere un cifra attorno ai quattro milioni di euro visto che l’ha comprato quest’estate. Il direttore sportivo Bigon è pronto a partire per l’Inghilterra e intavolare una trattativa con il club e con il calciatore.

Tra l’altro fra il NapoliPocognoli c’è un piccola curiosità: il calciatore è nato il 1° Agosto, stesso giorno della fondazione della squadra partenopea, anche se con parecchi anni di differenza. A quanto pare c’è il Napoli nel destino di Sebastien Pocognoli e se dobbiamo affidarci al destino, questa piccola coincidenza ci fa capire che la trattativa avrà un buon esito.

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

Allarme Ebola, Obama richiama l’Europa: serve più impegno

Serie A

Serie A, il decreto legge stadi è stato approvato dal Senato