in ,

Ultime notizie calciomercato Napoli: Witsel vicinissimo alla firma

Il Napoli pronto a chiudere il secondo colpo di calciomercato: dopo aver trattato Zielinski, il quale sembra aver preferito il Liverpool, Herrera, per il quale però non si riesce a trovare l’accordo con il Porto, la dirigenza azzurra è virata su Axel Witsel, centrocampista belga dello Zenit. Secondo quanto rivelato a Radio Goal dal giornalista Diego De Luca, il Napoli avrebbe trovato l’accordo con la squadra russa grazie ad un’offerta che si aggira intorno ai venti milioni di euro, la cifra pressoché identica offerta al Porto per il centrocampista messicano.

Oggi dovrebbe arrivare anche l’accordo con il calciatore, il quale sarebbe felice di venire a Napoli e gettarsi in una nuova esperienza. Durante gli Europei, Dries Mertens, attaccante della squadra partenopea, avrebbe limato l’accordo con il calciatore, spingendolo ad un trasferimento all’ombra del Vesuvio. Witsel potrebbe essere il rinforzo giusto per lo scacchiere di Maurizio Sarri. Il centrocampista belga può ricoprire sia il ruolo di mezzala nel 4-3-3 di Sarri, che quello di trequartista. Molto simile a Marek Hamsik tatticamente.

Resta comunque aperta la pista che porta ad Hector Herrera, senza dubbio è lui il preferito di Giuntoli e Sarri. Il Porto però, ha sempre alzato un muro, che il Napoli non ha intenzione di valicare. L’ufficializzazione di Witsel potrebbe chiudere le porte definitivamente al centrocampista messicano.

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

Grey's Anatomy 12 anticipazioni

I personaggi più sfigati delle serie tv: Meredith Grey, la scaccia gioia di Grey’s Anatomy

Basket serie A1, Basket Serie A1 Sesta Giornata

Basket, Serie A1 a 18 squadre con ripescaggio di Virtus e Fortitudo: la Fip valuta la soluzione