in ,

Napoli calcio, intervista esclusiva a Gennaro Iezzo: “Scudetto ancora vivo”

Il pari contro il Villareal per 1-1 non ha permesso al Napoli di accedere agli ottavi di finale dell’Europa League. Un’esclusione che lascia qualche malumore, gli azzurri meritavano qualcosa di più. La redazione di UrbanPost ha raggiunto in esclusiva l’ex portiere della squadra partenopea Gennaro Iezzo, il quale ha commentato la partita e il cammino del Napoli fino ad oggi.

Il Napoli esce dall’Europa League pareggiando per 1-1 con il Villareal. Secondo te per quello che abbiamo visto in campo è meritata l’esclusione?

No, assolutamente no. Perché il Napoli nei 180 minuti meritava ampiamente di passare il turno, purtroppo è un periodo particolare per il Napoli, dove o con un errore o con un pò di sfortuna non si riescono a vincere le partite.”

La sconfitta con la Juve e il pari con il Milan secondo te hanno allontanato il Napoli dal sogno scudetto?

No, mancano 12 partite e saranno difficili sia per il Napoli che per la Juventus. Il Napoli deve partire proprio da Firenze, cercando di giocare anche non bene, ma di essere più concreto. Se riuscirà a vincere a Firenze, riuscirà anche a superare questo periodo negativo. La partita di Firenze sarà di vitale importanza.”

Secondo te per vincere contro la Fiorentina su cosa deve puntare il Napoli, quali sono i punti deboli della squadra di Sousa?

Il gioco della Fiorentina assomiglia molto a quello del Napoli, è una squadra che fa molto posseso di palla, molto palleggio, a differenza però che il Napoli davanti ha calciatori che possono segnare continuamente. Il Napoli deve sperare che la Fiorentina giochi per vincere la partita, ma io spero che farà così, lasciando un pò di spazi al Napoli, altrimenti sarà come a Torino con la Juventus o contro il Milan. La Fiorentina sicuramente vorrà riscattare quest’uscita dall’Europa League e avvicinarsi al secondo posto. Il Napoli dovrà essere cattivo e determinato, cercando di portare a casa i tre punti.”

Napoli e Juventus sono allo stesso livello o cosa manca al Napoli per arrivare al livello della Juventus?

La Juventus ha una rosa ampia e importante, il Napoli, invece, ha una rosa importante, ma non ampia come la Juventus. Forse è questa la differenza fra le due, ma con l’uscita dall’Europa League il Napoli non avrà più problemi di turn over e cercherà di lottare fino alla fine per il campionato.”

Parliamo di un tuo conterraneo, Gianluigi Donnarumma, secondo te può diventare il vice Buffon fra qualche anno?

Gigi lo conosco da quando era piccolino, l’ho visto crescere, sin da quando giocava nell’oratorio. Gigi arriverà ad essere uno dei più forti, perché ha una grande personalità, poi ha solo 17 anni ed è già a grandi livelli. Ha ancora altri 7-8 anni per maturare e speriamo realmente che diventerà uno dei più forti.”

Gli auguri di restare qui in Italia o di accettare una proposta all’estero?

Io da tifoso del Napoli, gli auguro di difendere la porta del Napoli. Però quando si è davanti a dei fenomeni, perché Gigi è un fenomeno, si dovrebbe essere più portati a club internazionali. Gigi è un portiere che può ambire a questi club.”

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

dear jack alessio bernabei

Verissimo ospiti: da Alessio Bernabei alle news su L’Isola Dei Famosi 2016

Francesco Totti Leicester Ranieri

Calciomercato Roma ultimissime, Ranieri chiama Francesco Totti al Leicester