in

Ultimi sondaggi elettorali, Swg: percentuali dei partiti al 10 ottobre 2018

La Lega è il primo partito ma non sfonda come visto da alcuni degli ultimi sondaggi elettorali. Lo dicono i numeri dell’ultima rilevazione Swg, pubblicata ieri. Secondo questo sondaggio la maggioranza gialloverde resta salda, nonostante le tensioni con l’Ue sulla manovra 2019. Gli equilibri interni, tuttavia, non sarebbero così sbilanciati verso la Lega di Matteo Salvini come visto da altri sondaggi pubblicati nelle ultime settimane. Vediamo dunque quali sarebbero le percentuali dei partiti se si votasse oggi, 10 ottobre 2018.

Le percentuali dei partiti al 10 ottobre 2018

Se si votasse oggi il vincitore delle elezioni sarebbe Matteo Salvini. La Lega secondo Swg è al 31% nelle intenzioni di voto, due punti pieni avanti al Movimento 5 Stelle che è al 29%. C’è poi un salto di quasi dodici punti prima di trovare la terza forza, il Partito Democratico, con il 17,1% dei consensi. Il sondaggio Swg vede poi un’altra voragine tra i Dem e Forza Italia, quasi nove punti sotto all’8,3%. Poi ci sono tutti i partiti minori, a partire da Fratelli d’Italia con il 3,5%, poi a seguire + Europa con Emma Bonino al 2,7%, Liberi e Uguali al 2,3%, Potere al Popolo 2,1%. Secondo SWG, inoltre, altri partiti spetterebbe il 3,9% dei consensi.

Ultimi sondaggi elettorali: tendenze e scenari futuri

E’ uno scenario che vive di conferme quello disegnato dal sondaggio Swg. La conferma della buona salute della Lega di Matteo Salvini, prima di tutto. Ma anche la conferma che il Movimento 5 Stelle sembra aver superato la fase di difficoltà, schiacciato dalla potenza mediatica del leader leghista e indebolito anche da una lotta intestina strisciante tra Di Maio e Fico ben evidente anche in questi giorni. Per il resto, nulla di nuovo all’orizzonte. Il Partito Democratico, alle prese con i tempi biblici del congresso, non si muove nei consensi restando ancorato allo zoccolo duro del 17%. Forza Italia invece prosegue nella sua agonia, nonostante li sforzi del suo anziano leader Silvio Berlusconi. Così come prosegue l’agonia dei partiti minori, sia a sinistra sia a destra. Colpisce anche il declino di Fratelli d’Italia, meno evidente nel sondaggio Swg ma comunque netto, nonostante i tentativi di “internazionalizzazione” della Meloni, culminati con l’invito alla festa nazionale Atreju dell’ideologo americano della nuova destra Steve Bannon.

Leggi anche –> Spread oggi a 316 punti, titoli bancari a picco, Fico: «Sbagliato concetto di sfida all’Ue»

Written by Andrea Monaci

47 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it Ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto, tra gli altri, per il "Secolo XIX" e "Lavoro e Carriere". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Gessica Lattuca scomparsa a Favara: nuove ricerche cadavere, qualcuno ha parlato?

“Grande Fratello Vip 3”: uno strano comunicato fa sapere ai concorrenti dove praticare autoerotismo