in

Ultimi sondaggi elettorali, SWG: percentuali dei partiti al 27 giugno 2018

Gli ultimi sondaggi elettorali continuano a tenere banco, nonostante l’ipotesi di un voto politico anticipato sia al momento piuttosto remota. Tengono banco perché per la prima volta, da quando si è insediato il governo Lega-M5S, non concordano sulle intenzioni di voto per i due contendenti il titolo di “prima forza politica”. Se il sondaggio EMG Acqua di cui vi abbiamo parlato ieri assegnava lo scettro di primo partito al Movimento 5 Stelle oggi una nuova rilevazione targata SWG rimescola le carte. Davanti a tutti, secondo quest’ultimo sondaggio realizzato per conto di La7 ci sarebbe, seppur per qualche decimale di differenza, la Lega di Matteo Salvini e non i pentastellati guidati da Luigi Di Maio. Ma vediamo i dettagli, con le percentuali dei partiti al 27 giugno 2018.

Ultimi sondaggi elettorali, SWG: percentuali dei partiti al 27 giugno 2018

Percentuali dei partiti al 27 giugno 2018

Secondo SWG dunque la Lega guiderebbe con il 29,7% dei voti, tre decimali in più rispetto al Movimento 5 Stelle, che attualmente sarebbe al 29,4%. Per Salvini e soci se si votasse oggi sarebbe un risultato davvero importante, oltre dodici punti in più rispetto alle politiche del 4 marzo 2018. La Lega, insomma, farebbe piazza pulita soprattutto dei suoi alleati di Centrodestra (ridotti al lumicino) ma si accaparrerebbe sicuramente anche parte di quel 3% perso dal Movimento 5 Stelle da marzo ad oggi. Insomma, secondo SWG come altri istituti la fase “Salvini superstar” è tutt’altro che esaurita. E gli altri partiti? Il Partito Democratico, dato al 18,8%, stagna. Forza Italia, all’8,4%, sarebbe davvero ai minimi termini. E infine non va bene nemmeno ai partiti minori delle due coalizioni: se Fratelli d’Italia limita i danni al 3,8%, +Europa di Emma Bonino sarebbe all’1,7%.

Ultimi sondaggi elettorali, SWG: tendenze dei partiti

Rispetto al precedente sondaggio SWG, le uniche forze politiche che crescono sono Lega, Movimento 5 Stelle e in minore misura Liberi e Uguali. Il Partito Democratico non dà segnali di movimento, restando ancorato alla stessa percentuale negli ultimi venti giorni. Peggiorano invece i partiti minori delle coalizioni di Centrodestra e Centrosinistra. Infine, una nota su chi a domanda dei sondaggisti non si è espresso: se il 19 giugno erano il 32,2% oggi sono esattamente un punto percentuale in meno, il 31,2%.

Tutti i sondaggi elettorali su UrbanPost

gattuso ofi creta

Milan fuori dalle coppe europee: ecco la sentenza e il comunicato ufficiale

Le Grandi Opere dell’Arte: “Il Giardino delle Delizie” di Hieronymus Bosch