in

Ultimi sondaggi elettorali, Tecnè: percentuali dei partiti all’8 ottobre 2019

Tra gli ultimi sondaggi elettorali spicca quello realizzato da Tecnè per conto dell’Agenzia Dire. Per la seconda volta in pochi giorni una rilevazione demoscopica fotografa la crisi dei partiti che hanno dato vita all’alleanza giallorossa. Seppur di pochi decimali di punto, le intenzioni di voto per Movimento 5 Stelle e Partito Democratico sono in calo e il trend inizia consolidarsi. In calo anche la Lega, mentre crescono gli altri partiti del centrodestra, Italia Viva di Matteo Renzi e i Verdi.

ultimi sondaggi elettorali

>> Ultimi sondaggi elettorali: l’osservatorio EMG

Percentuali dei partiti all’8 ottobre 2019

Ecco le percentuali dei partiti registrate dall’ultimo sondaggio Tecnè (tra parentesi i dati relativi al 27 settembre 2019):

  • Lega 31,4% (31,9%)
  • M5s 19,8% (20%)
  • Pd 19,7% (19,8%)
  • FI 8% (7,8%)
  • FdI 7,8% (7,5%)
  • Italia viva 4,5% (4,3%)
  • Verdi 2% (1,7%)
  • +Europa 1,8% (2%)
  • Sinistra 1,6%% (1,8%)
  • Altri partiti 3,4% (3,2%)
  • Astensione/incerti (b) 43,5% (44,8%)

Da evidenziare, come detto, il calo di mezzo punto percentuale della Lega, cui evidentemente non giova stare all’opposizione, come certificato da tutti gli ultimi sondaggi elettorali pubblicati. Contenute le flessioni di Movimento 5 Stelle e Partito Democratico ma si tratta pur sempre di passi indietro, come quelli registrati da tutti i sondaggi degli ultimi giorni. Italia Viva di Matteo Renzi guadagna due decimali di punto, assestandosi al 4,5%, un risultato che a detta degli osservatori più attenti è al di sotto delle potenzialità della nuova forza politica dell’ex rottamatore. Significativa la ripresa di Forza Italia, all’8%, due decimali di punto in più rispetto a dieci giorni fa, segno che l’aria di cambiamento dentro al partito sta facendo ritornare a casa i fedelissimi azzurri.

ultimi sondaggi elettorali

Ultimi sondaggi elettorali e scenari politici

Mentre Movimento 5 Stelle e Partito Democratico mostrano al momento compattezza, nel campo dell’opposizione non si registrano cambiamenti di scenario. Matteo Salvini prosegue la sua corsa solitaria mirata al logoramento dell’alleanza giallorossa, con attacchi soprattutto al premier Conte. Al momento questa strategia non sembra pagare nei sondaggi, ma il leader leghista pare non intenzionato ad abbandonarla. Le prospettive dell’alleanza con le altre forze di centrodestra restano sullo sfondo, seppur non archiviate in vista anche delle elezioni regionali in Umbria. Interessante, invece, il dinamismo di Matteo Renzi. Italia Viva ha bisogno di visibilità per far crescere quel già buon bottino di voti che i sondaggi gli assegnano, quasi tutti sottratti al Partito Democratico. Non è detto però che l’uscita di Renzi dal PD non possa, nel medio termine, far tornare a crescere i Dem, tornati a compattarsi con le sole correnti di “sinistra” a pesare dentro al partito. Un segnale, in questo senso, arriva anche dal rientro tra i Dem di alcuni personaggi chiave come l’ex presidente della Camera Laura Boldrini.

>> Tutte le notizie di politica italiana

Written by Andrea Monaci

49 anni, è direttore editoriale di Urbanpost.it fin dalla sua fondazione nel 2012. Ha iniziato la sua carriera nel 1996, si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto per "Il Secolo XIX", "Lavoro e Carriere", "La Voce dei Laghi", "La Cronaca di Varese".

Colombia, vescovo si finge senzatetto: «Ho sentito l’indifferenza»

chiara ferragni e fedez

Chiara Ferragni e Fedez insieme su Instagram dopo due settimane: foto bollente