in ,

Ultimo Tango a Parigi Burro, Bertolucci e la scena di stupro non consensuale [VIDEO]

Ultimo Tango a Parigi è una pietra miliare della cinematografia internazionale. Il certosino lavoro di Bernardo Bertolucci, regista di questo capolavoro, resterà negli annali, nonostante le censure di alcune scene, specie per il mercato del cinema italiano del tempo. Ma Ultimo Tango a Parigi, con protagonisti Marlon Brando e la compianta Maria Schneider, non è tutto rose e fiori. E anzi, come spiega lo stesso Bernardo Bertolucci, in un’intervista del 2013 riemersa ieri grazie a Variety, la scena del Burro non è stata consensuale.

>>> TUTTO SUL MONDO DEL CINEMA <<<

Come si può vedere dal video qui riportato, in Ultimo Tango a Parigi c’è una scena di stupro non consensuale che vede protagonisti Marlon Brando e Maria Schneider. Il terzo incomodo è il ‘burro’, utilizzato da Bertolucci come lubrificatore. Il motivo? Presto detto: il regista voleva che l’attrice non simulasse ma che ‘reagisse’ come una vera ragazza. Per questo, all’insaputa della povera Maria Schneider, Marlon Brando e Bertolucci hanno concordato sull’utilizzo di un panetto di burro. Come raccontato dal regista nel 2013, l’idea è nata durante una colazione con Marlon Brando: “Abbiamo visto una baguette, un panetto di burro. Ci siamo guardati, non abbiamo avuto bisogno di dirci nulla, sapevamo quel che volevamo.” Certo, oggi il regista di Ultimo Tango a Parigi un po’ si pente per quella scena del burro: “Ero stato in un certo senso orribile con Maria Schneider perché non le ho detto cosa stesse succedendo.”

>>> TUTTO SUI FILM IN USCITA <<<

Pentito per non averle chiesto scusa, non per aver girato la scena cult di Ultimo Tango a Parigi. La Schneider, ai tempi diciannovenne e scomparsa nel 2011, non ha più rivolto la parola né a Marlon Brando né al regista. “Ci odiava.” ha spiegato Bertolucci.

Cesare Cremonini canzoni, cosa sappiamo del nuovo album? Ecco le ultimissime

Riforma pensioni news oggi, Opzione Donna proroga al 2018

Pensioni 2016 news oggi: proroga Opzione Donna, tra disincanto e speranze [INTERVISTA ESCLUSIVA]