in

Un café per le bici? Condividere e scoprire un mezzo slow

La riscoperta della mobilità sostenibile, l’incremento dell’uso della bicicletta non solo per piccoli spostamenti ma anche per viaggi slow e pieni di salute, ha permesso di creare un nuovo modello di bar-café per gli amici dei pedali. I bike café o bike bar, nati nel nord Europa, sono arrivati anche in Italia.

cibo bike

Luoghi di incontro per tutti i ciclisti ed appassionati o soste per i ciclisti in viaggio. Non sono semplici bar, ma locali dedicati alla bicicletta, al suo uso, alle sue novità. Un punto in cui poter vedere e seguire il ciclismo, le gare, scoprire nuovi percorsi e partecipare ad eventi dedicati. Conferenze, proiezioni, organizzazione di uscite in compagnia (naturalmente ad impatto zero, in bicicletta!). Spesso, e con ragione, è anche a disposizione una ciclofficina dove poter riparare il proprio mezzo a volte con pezzi di recupero. Essendo bar-café è possibile gustare caffè, bevande e cibi, anche pranzi e cene a tema. Dipende dove si va…

Milano, Torino, nel cuore di Roma e a Parma si possono trovare facilmente bar od osterie bike friendly. Negozi storici di bici che hanno aperto all’interno uno spazio bar, grandi locali modello industriale con biciclette appese al soffitto, cibo con il nome dei ciclisti più famosi. Tutto ruota in torno al mezzo a pedali, dall’origine ad oggi. Manifesti, fotografie, oggetti vecchi fanno di questi bar ritrovi affascinanti, non solo per gli appasionati ciclisti ma anche per chi è curioso. Spazi slow, dove emerge il senso della vita a pedali, condivisione e tranquillità, non solo agonismo. Chiunque, amante della vita e degli spostamenti low cost e basso impatto ambientale, si troverebbe a proprio agio!

photo credit: dplastino via photopin cc | freddy via photopin cc

Seguici sul nostro canale Telegram

coppia effusioni

Chi vuole più coccole? Gli uomini!

gusci pistacchi

Turchia: scaldarsi con i gusci dei pistacchi. La Green-City