in

Un Posto al Sole anticipazioni 12-13 febbraio 2015: i dubbi di Rossella per San Valentino

Cosa accadrà nelle prossime puntate di Un Posto al Sole in onda giovedì 12 e venerdì 13 febbraio 2015 alle 20:35 circa su Rai 3? Cosa succederà alle coppie di Palazzo Palladini con l’arrivo di San Valentino? La crisi fra Silvia e Michele e Franco e Angela sembrerà non subire alcuna tregua, ma anche Rossella inizierà ad avere diversi dubbi sul suo amore e a sperare in una romantica sorpresa per capire realmente se Sandro faccia o meno sul serio.

Nelle ultime due puntate della settimana, all’interno di Un Posto al Sole, a tenere banco saranno soprattutto Viola (Ilenia Lazzarin) ed Elena (Valentina Pace). La prima, dopo aver fatto involontariamente ingelosire, sul piano professionale, il suo spasimante, dovrà vedersela, oltre che con lui, anche con Nicotera. Il bel magistrato, infatti, dopo la promozione che Viola ha ricevuto sul campo da Michele e dall’editore della radio, ai danni di Scheggia, e il conseguente aumento di impegni lavorativi, si farà vedere sempre più attento e desideroso di momenti da vivere solo con lei. Come mai tutte questa attenzioni proprio ora? A svegliare Nicotera sarà stato l’arrivo di San Valentino o vi sarà un doppio fine?

Elena, invece, capiti i gravi errori commessi, una volta alleatasi con la madre per mettere in pratica un piano atto a fermare Tommaso (Michele Cesari), finirà per tornare più fragile di prima e farsi così sommergere dai dubbi. Riuscirà la donna a portare a termine quanto deciso insieme a Marina e a Andrea? Riuscirà a vincere la paura che qualcosa potrebbe non andare per il verso giusto e annullare tutte le speranze? Mentre Elena vivrà momenti di apprensione, Marina si sentirà sempre più  bloccata dagli scrupoli nei riguardi della figlia.

Carnevale Venezia cosa fare il Sabato Grasso 2015

Carnevale Venezia 2015: cosa fare e dove andare il Sabato Grasso, tra maschere e performance a ritmo di swing

Naufragio canale di Sicilia

Naufragio nel canale di Sicilia, ultimi aggiornamenti: i morti sarebbero 300