in

Una grande famiglia 2 anticipazioni: per Gianni Cavina sarà “più intrigante e sorprendente”

Affaticato e vestito come se fosse pieno inverno. Ecco come il giornalista de Il Resto del Carlino ha trovato Gianni Cavina, l’attore protagonista di Una grande famiglia, l’amatissima fiction di Rai 1, mentre era sul set per girare l’attesissima seconda serie  su cui, però non ha voluto svelare nulla dicendo solo che sarà sicuramente più intrigante della prima e lasciando i telespettatori con le stesse domande che, anche dopo la messa in onda, nelle ultime domeniche, delle varie repliche, sono rimaste loro dopo la visione dell’ultima puntata della prima serie. Cosa succederà alla famiglia Rengoni?

una grande famiglia

In primis Cavina ha spiegato che saranno mesi duri visto che: “Stiamo girando questa seconda serie dalla fine di marzo e andremo avanti fino al 4 ottobre” aggiungendo: “e dal 26 agosto il doppiaggio. Quindi immagino gireremo di giorno e la notte doppieremo”. Nell’intervista, poi, Cavina ha riassunto così il ruolo del suo personaggio, Ernesto Rengoni, e la prima stagione di Una Grande Famiglia: “ Poveraccio, circondato da una famiglia che adora sì, ma il figlio più grande, Alessandro Gassmann ha rischiato di farlo fallire, si è finto morto poi è riapparso a sorpresa alla fine della prima serie. Un nipote è gay, uno ruba la moglie all’altro…” annunciando come Rengoni sia un po’ il simbolo dell’Italia dei nostri giorni ovvero “ un uomo sommerso dalle tempeste, che resiste”.

Sottolineando l’ottimo feeling con il regista della fiction e l’importanza dell’ottima sceneggiatura, che secondo Cavina è la fonte principale del successo ottenuto, l’attore bolognese  non ha detto nulla riguardo alla seconda serie lasciando i suoi amati fan con l’amaro in bocca: “Mica posso togliere la sorpresa, dico solo che sarà ancora più intrigante e sorprendente”.

Seguici sul nostro canale Telegram

carta di credito per Tal

Claudia Galanti e le polemiche per il particolare regalo alla figlia su Instagram

Omofobia: gesto disperato per un giovane 14enne romano, ennesima vittima dell’ignoranza