in ,

Una mela al giorno toglie il medico di torno

Prescrivere una mela al giorno, soprattutto per le persone di età superiore ai 50 anni, consentirebbe di prevenire o ritardare circa 8.500 decessi che avvengono ogni anno nel Regno Unito per cause cardio vascolari, quali infarti e ictus. E’ quanto emerge da uno studio del BMJ .
“Una mela al giorno toglie il medico di torno” rivela quanto siano efficaci i piccoli cambiamenti nella dieta per il benessere delle persone, e come una vita più sana possa fare la differenza nella prevenzione delle malattie. I cambiamenti dello stile di vita sono il primo passo per restare in salute.

I ricercatori affermano: “Una mela al giorno toglie il medico di torno anche in aggiunta alle scoperte della medicina moderna”. La ricerca ha analizzato persone che stanno assumendo statine per ridurre il rischio di malattie vascolari e hanno concluso che assumendo una mela al giorno in maniera costante si eviterebbero circa 8.500 decessi vascolari.

“Questo studio dimostra che i piccoli cambiamenti nella dieta possono ridurre significativamente la mortalità vascolare” dicono gli autori “La ricerca inoltre aggiunge peso alle richieste per la prevenzione primaria della malattia cardiovascolare, così come alle politiche volte a migliorare la qualità nutrizionale delle diete. Nessuno di coloro a cui sono state prescritte dai medici delle statine dovrebbe ovviamente sostituirle con delle mele, ma tutti potremmo beneficiare dei vantaggi semplicemente mangiando più frutta ” concludono.

Integratori per il Sistema Cardio Vascolare

Written by Monia Trentarossi

36 anni, Amministratore di AntiAging Club, il primo sito dedicato all'AntiAging, in partnership con AMIA, Associazione Italiana Medici AntiAging. Consulenza medica specialistica e vendita online di prodotti Antiaging delle migliori marche.
Vive a Milano, appassionata di viaggi in giro per il mondo, sport (fitness, vela, sci...) cinema e buone letture. Per UrbanPost scrive di Benessere.

pop art mostra Modena

Pop art, le icone in mostra a Modena

Tarda a decollare l’uso della ricetta medica elettronica