in

Una sorpresa di matrimonio emozionante per gli sposi: il gesto inaspettato del prete

Siamo in Arizona, stato federato del sud-ovest degli Stati Uniti d’America. Drew e Gina erano pronti per giurarsi davanti a Dio amore eterno e mai si sarebbero aspettati una sorpresa così bella durante il giorno delle loro nozze. Alla cerimonia, a cui erano stati invitati parenti e amici della coppia, erano presenti entrambi i genitori degli sposi. 

Il padre e la madre di Drew stanno insieme da trentasei anni, mentre i genitori di Gina da ben trentotto. Insomma due esempi di vero amore, di quelli che forse oggi non si usano più. Nello stupore generale il prete, che celebrava il matrimonio, padre Jim, li ha invitati ad alzarsi. Di fronte a tutti il sacerdote ha tenuto un discorso molto emozionante, che ha toccato il cuore di tutti gli invitati. Il parrocco ha ringraziato le due coppie di genitori: la sola presenza di entrambi era una garanzia per i loro giovani figli. Perché è innegabile che il matrimonio sia un impegno, non sempre è rose e fiori, la differenza la fa proprio la sincerità del sentimento.

Senz’altro Drew e Gina hanno avuto dei genitori modello, delle persone da seguire. Ma torniamo al discorso di padre Jim, questi poco prima che venisse fatta la promessa di nozze dei due giovani, ha chiamato, come dicevamo, le coppie dei genitori sull’altare e inaspettatamente li ha risposati. Insomma tre matrimoni in una sola cerimonia. 

Un fatto che ha colto di sorpresa i partecipanti, inclusi i due ragazzi, che non conoscevano le intenzioni del sacerdote. I partecipanti hanno fatto delle foto e realizzato video con i cellulari per immortalare un momento magico, che difficilmente dimenticheranno. La reazione degli sposi e del pubblico è stata emozionante. Padre Jim ha colto davvero tutti in contropiede, un gesto meraviglioso che ha voluto celebrare il vero senso della vita: l’amore. 

Corrado Tedeschi e il dramma del suo tumore. Oggi lo ritroviamo di nuovo in Tv, completamente diverso dal passato

Isabella Ferrari e la sua lotta contro la malattia: «Non ho mai perso la mia quotidianità!»