in ,

Ungheria: migranti in marcia, il governo di Budapest invia pullman per raggiungere l’Austria

Nella giornata di oggi un centinaio persone si sono staccate dal gruppo delle altre 3000 ancora in attesa alla stazione di Kieti di Budapest. Il gruppo di coraggiosi ha deciso di iniziare una vera e propria marcia lungo l’autostrada Budapest – Vienna per raggiungere il confine austriaco a 160km di distanza. Il governo ungherese, d’altronde, nei giorni scorsi aveva bloccato i treni con a bordo i migranti diretti in Paesi come Germani e Austria. Pochi minuti fa, il governo di Budapest ha però annunciato l’invio di autobus per raccogliere le persone in marcia ed accompagnarle al confine austriaco.

Solo ieri un gruppo di rifugiati diretti con un treno a Sopron, al confine con l’Austria erano stati fermati a 37 chilometri da Vienna e portati in un centro rifugiati. Solo pochi di loro erano scesi dal convoglio, il resto del gruppo era rimasto a bordo nella speranza di poter finalmente aggiungere la tanto agognata destinazione austriaca.

E sul caos nella gestione dei migranti a Budapest si è espresso anche il ministro degli esteri ungherese Peter Szijjarto: “Abbiamo istituito delle zone di transito in cui i migranti possono presentare la domanda di asilo e la decisione viene presa in un paio di giorni, periodo in cui i migranti devono rimanere nelle zone di transito”; e riguardo alle polemiche sul trattamento dei rifugiati ribadisce:”E’ inaccettabile che riceviamo queste critiche, molto dure, quando noi stiamo rispettando le regole europee. E’ molto ingiusto”.

https://urbanpost.it/budapest-caos-migranti-news-riaperta-ai-profughi-la-stazione-ferroviaria-di-keleti

https://urbanpost.it/emergenza-migranti-ungheria-il-governo-di-budapest-invia-3500-soldati-al-confine-serbo

Milan News

Milan: ecco i giocatori sulla lista nera di Mihajlovic

cristian ansaldi conferenza stampa presentazione Genoa

Genoa, conferenza stampa Ansaldi:”É un grande club e voglio renderlo ancora più grande”