in ,

Unioncamere e Fondazione Edison: il made in Italy salverà l’Italia

Il made in Italy, conosciuto in tutto il mondo, ha da sempre avuto una marcia in più rispetto agli altri paesi. Simbolo di cultura e conoscenze diversificate che hanno saputo esprimere ed imporre negli anni tutte le loro capacità, fino a rientrare tra i primi posti della classifica mondiale delle esportazioni internazionali.

I prodotti che tendenzialmente l’Italia esporta in quantità maggiori, contrariamente a quanto si pensa, non sono solo i settori tradizionali del made in Italy, come tessile, calzature, mobili etc, ma dalla meccanica e dai mezzi di trasporto. Tra i primi rappresentanti del saldo commerciale italiano ci sono le tecnologie del caldo e del freddo, le macchine per lavorare il legno e le pietre ornamentali, oppure i fili isolati di rame e gli strumenti per la navigazione aerea e spaziale. Il 31,6 dei 63 miliardi di surplus generati dalle eccellenze italiane provengono dai settori dell’automazione meccanica, della gomma e della plastica; altri 18,1 miliardi si devono ai beni dell’abbigliamento e della moda, 6,4 da beni alimentari e vini; 2,9 dai beni per la persona e la casa. Altri 4,3 miliardi derivano da prodotti dell’industria della carta, del vetro e della chimica.
vino italiano


A salire sul podio dopo aver scalato la classifica mondiale, troviamo nella top ten: le calzature con suola in cuoio naturale (2,7 miliardi), macchine e apparecchi per imballaggio (2,5 miliardi), piastrelle di ceramica verniciate o smaltate (2,5 miliardi), borse in pelle e cuoio (2,1) occhiali da sole (1,9), pasta (1,8), cuoio a pieno fiore conciato (1,8), barche e yacht da diporto (1,6), conduttori elettrici (1,4) e parti di macchine per impacchettare e altre macchine e apparecchi (1,4 miliardi). Senza poi trascurare le eccellenze che da sempre hanno caratterizzato il made in Italy più ricercato, quali: vini e spumanti, che portano al Paese 4,7 miliardi, ma anche rubinetti e valvole, mobili in legno , le parti di turbine a gas, trattori agricoli, macchine per riempire e imbottigliare ed etichettare, navi da crociera, lavori in alluminio, caffè torrefatto, lampadari, mobili in legno per cucine, pomodori lavorati, lastre e fogli in polimeri di etilene, granito lucidato e lavorato.

Oltre tutto, non bisogna tralasciare il settore turistico, che ad ora resta prima assoluta in Europa per pernottamenti di turisti extra Ue, staccando di molto Uk e Spagna.

Il video del disastro ferroviario in Quebec, salgono ad 80 i dispersi

malore Raoul Bova

Fiction Mediaset: Raoul Bova e Gabriel Garko protagonisti