in

Uno sguardo alla scuola del futuro, un saluto alla carta

La scuola chiede sempre più tecnologia per i suoi alunni, dai libri alle lavagne, sostituire le vecchie abitudini per incontrarne di nuove e cambiare totalmente. Anche le enciclopedie saranno sostituite, da Wikipedia. Sono sei le classiche attrezzature che piano piano verranno sostituite.

sostituire la carta con la tecnologia

1 – Le calcolatrici scientifico-grafiche: averne una sembrava di possedere un piccolo gioiellino e presentarsi ai compiti di matematica e fisica con lo strumento era la mossa più intelligente. Costavano molto, ma bastavano. Non basteranno più, perché saranno sostituite da TI-Nspire, che si può ricaricare e permette di salvare il nostro lavoro. 2 – Le cassette o i cd per l’ascolto didattico: il famoso Listening, usato dagli insegnanti per consentire agli studenti di apprendere l’ascolto con pronunce madrelingua diverse, sarà sostituita da Duolingo, l’applicazione che consente quotidianamente di esercitarsi con una lingua e di registrare anche la parte di ascolto. 3 – Le lavagne: quante volte siamo andati alla lavagna e tornati al posto con la maglia sporca di gesso bianco. Tante. Adesso il problema scomparirà e saranno sostituite da Smart Board touchscreen, create dalla società SMART technologies. 4 – Floppy disk: 1,5 megabyte di un floppy disk ci sembrava molto, spesso ci avanzava spazio. Adesso lo spazio non basta mai e i dischi rigidi esterni sono perfetti per memorizzare tutto (non solo per il futuro, presente).

5 – Taccuini e libri: taccuini e libri!!! iPad e e-book per scrivere, prendere nota, leggere e studiare. Quindi gli Stabilo Boss colorati per evidenziare di mille colori su carta saranno presi meno in considerazione dagli studenti del futuro. 6 – Aule video: il segreto è Youtube. Non servirà più prenotare l’aula video, guerreggiando tra insegnanti, si guarderà tutto su Youtube comodamente in classe.

Facebook Reputazione Aziende

Togliere l’amicizia su Facebook: ecco i principali motivi

Dove siamo arrivati: ora anche la protesta all’arbitro si fa su facebook