in ,

Usa, bambino di 4 anni spara alla madre: la vittima è un’attivista pro-armi

La discussione sulla regolamentazione dell’uso e del possesso di armi negli Stati Uniti sta spaccando il paese mentre continuano giorno dopo giorno i casi di stragi e sparatorie, ultimo in ordine di tempo l’agguato ad una festa in Pennsylvania che ha provocato la morte di 5 persone; una gran parte della popolazione continua ad essere a favore del possesso di armi.

E’ il caso di Jamie Gilt, una madre di 31 anni della Florida, fervente attivista pro-armi che tuttavia potrebbe cambiare idea dopo quanto le è accaduto quest’oggi: la donna infatti è stata colpita alle spalle da un colpo di arma da fuoco esploso dal figlio di 4 anni. Entrambi si trovavano all’interno del pick-up e il piccolo avrebbe trovato la pistola sul pavimento della vettura.

A salvare la trentunenne un agente di polizia che stata pattugliando la zona e ha notato la scena; la donna è stata trasportata in ospedale e ora le sue condizioni sono stabili. Nei suoi confronti verranno avviate delle indagini poiché secondo la legge della Florida lasciare armi cariche alla portata di un bambino è reato. Jamie Gilt era famosa per le sue posizioni e spesso aveva fatto polemica sul web nei confronti dell’amministrazione Obama; chissà se questo episodio le farà cambiare idea.

Trapianto testa

Italiani uccisi a Sabrata esito autopsia: massacrati con raffiche di kalashnikov

Antonio Sanabria piace al Bologna

Calciomercato Roma news, entrate e uscite 2016: ipotesi Telles, Sanabria a Madrid?