in ,

Usa sganciano bomba in Afghanistan contro base Isis: è la più potente dopo quella atomica

Isis: gli Stati Uniti hanno sganciato una bomba non nucleare ma potentissima in Afghanistan orientale, allo scopo di debellare un presunto campo di addestramento riconducibile allo Stato Islamico. E’ una notizia di questi minuti. Una operazione che ha colto tutti di sorpresa, è la prima volta che viene sganciata questo tipo di bomba. Lo rende noto la Cnn citando fonti militari Usa.

L’ordigno sarebbe una cosiddetta ‘bomba MOAB’, la madre di tutte le bombe non nucleari, che pesa quasi 10 tonnellate e dopo quella atomica è la più distruttiva e devastante. Questa è la prima volta che il Pentagono decide di far ricorso alla MOAB («Mother of all bombs») in battaglia, in Afghanistan.

La GBU-43 Massive Ordnance Air Blast Bomb è definita informalmente la “madre di tutte le bombe” ed è stata sviluppata durante la guerra in Iraq. Secondo l’ultim’ora è stata lanciata intorno alle 19, ora locale. L’obiettivo degli stati Uniti sarebbe quello di colpire i tunnel dell’Isis e i miliziani nel distretto di Achin, nella provincia di Nangarhar.

Roma, cosa vedere di insolito: Auditorium Mecenate

Roma: cosa vedere di insolito? L’Auditorium di Mecenate, capolavoro del mondo antico

Isola dei Famosi 2017, intervista esclusiva a Simone Susinna: “La verità su me e Malena”