in

Vacanza a Venezia low cost: un sospiro di meraviglia

Venezia è una delle mete turistiche più ambite e battute da turisti di tutto il mondo. Nell’immaginario e nella realtà ci sono calle, traghetti, piazze piene affollatissime. Persone che cercano di comprare un souvenir da portare a casa in uno dei piccoli negozietti lungo le vie. Dalle piccole maschere alla gondola che cambia colore con l’umidità (un pezzo kitsch intramontabile!), dal cappello da gondoliere in paglia all’oggetto in vetro di Murano. Ce n’è per tutti i gusti e per tutte le tasche. Il turismo è anche questo! Fare una vacanza a Venezia, anche solo qualche giorno, che sia low cost significa cercare di non essere un “turista della massa”, senza privarsi di nulla certamente, ma evitare l’esagerazione “made in China”. Quindi qualche consiglio e accorgimento serve sempre, ovunque si vada. Soprattutto se in città particolarmente turistiche!

ponte dei sospiri

Anzitutto trovare la locazione per la notte in modo astuto, ovvero non cercare gli hotel in pieno centro, piuttosto pensare ad un ostello, o un appartamento a prezzi vantaggiosi ed in centro! La scelta dell’appartamento risulta particolarmente economica se ci si ferma più giorni, la disponibilità della cucina taglia i costi. Per quanto riguarda ciò che è possibile vedere, beh, c’è di tutto e di più. Semplicemente camminare ed ammirare la cartolina vivente dell’intorno. Si è in una città sull’acqua con gondole che passano sotto i piccoli ponti, colori e sensazioni emozionanti. Contrapposizione tra “morte” di una città che sembra debba scomparire e la “vita” che la rende un fermento.

Perdersi a Venezia, girare con o senza cartina, è il modo migliore per vederla ed apprezzarla, ed è assolutamente low cost! Per il “giro sull’acqua”, al posto del giro turistico in gondola (80/100 euro circa), meglio il vaporetto, decisamente più economico. I monumenti a pagamento hanno costi ridotti ed è possibile fare il Museum Pass per entrare a Palazzo Ducale ed in altri musei. La Basilica di San Marco è gratuita, sono a pagamento il Tesoro e la Pala d’Oro (3, 2euro). Le vedute dall’alto di Venezia sono a pagamento, la vista vale il costo del biglietto, ma si può scegliere tra più possibilità: la Loggia della Basilica di San Marco (4euro), il campanile di San Marco e della chiesa di San Giorgio  (8 e 3euro). Ca’ d’Oro, uno dei palazzi più famosi della città sull’acqua, ha il costo di 5 euro. Ma dopo aver fatto le classiche tappe l’importante è muoversi liberi da “cose da vedere per forza”. Giungere casualmente nel Ghetto ebraico, vedere il ponte dei Sospiri dal Ponte della Paglia, poi nuovamente godere di piazza San Marco con tanto di piccioni e turisti. Ammirare la Torre dell’Orologio e le Procuratie Vecchie, l’Ala Napoleonica, le Procuratie Nuove e il campanile. Questo è lo scenario che si apre dando le spalle alla Basilica (ovviamente ai costi dei locali sotto i portici!). Un viaggio ricco di scoperte ed emozioni nuove da trattenere, assolutamente gratuite e diverse ogni volta. Lo stupore della meraviglia, del colore, degli odori, della vita con il suo brulichio.

Smo_Q busy ;/ via photopin cc| Old Fogey 1942 via photopin cc

Seguici sul nostro canale Telegram

Festival de Cannes Page Officielle

Festival di Cannes 2014: l’Italia brilla sulla Croisette (Video)

banche del tempo

Le Banche del Tempo: uno scambio prezioso