in

Vacanze low cost agosto 2013: Spagna dove andare?

Da sempre, la penisola iberica è una delle mete più ambite dai giovani (ma non solo) per l’ottimo rapporto qualità-prezzo delle vacanze offerte sulle proprie coste.

mappa_regioni_spagna

La vastità delle spiagge (ben oltre la metà dei confini spagnoli sono bagnati dai mari) e la varietà dei litorali offrono tantissime opportunità di itinerari per tutti i gusti e per tutte le esigenze. Tuttavia, ai primi posti nei motivi di preferenza dei verso le terre spagnole, troviamo il divertimento e la trasgressione. Non a caso, il termine movida è stato coniato da quelle parti. Così come la fiera, una sorta di festa quotidiana estiva che viene fatta in tutte le piazze principali delle località turistiche e non, a partire da mattina fino a notte inoltrata.

Per quanto riguarda la trasgressione, basta solo ricordare che in Spagna è molto ben tollerata la pratica del “naturismo” (per intenderci, il mettersi completamente nudi a prendere il sole sulla spiaggia). Ma la Spagna, nella storia, è stata anche una delle nazioni più potenti e influenti in tutto il mondo. Basti pensare alle colonie nelle terre americane (che hanno dato vita a numerose nazioni) e all’egemonia che per secoli ha avuto nei mari e sui suoli del continente europeo. Tutto questo si traduce in stupendi siti archeologici o edifici artistici di sublime valore. Vediamo, allora, dove andare e cosa vedere per le nostre vacanze.

Dicevamo della vastità delle aree marittime spagnole. Geograficamente, possiamo dividerle in due grandi zone: la costa atlantica e quella mediterranea. La prima è situata al nord del Paese, tra la costa francese ed il Portogallo. Le caratteristiche sono quelle tipiche dell’oceano Atlantico, un mare decisamente più fresco e ventoso e con onde molto alte, ottime per fare windsurf, kitesurf o surf puro.

la_coruna_te

Partendo proprio dalla Francia, e spostandoci verso occidente, troviamo la Costa Basca, con una serie di località turistiche molto famose, tra cui  Hondarribia e San Sebastian. Continuando incontriamo la Costa della Cantabria di Laredo, Santander e Santillana del Mar, ai confini con il litorale della Asturie e quello della Costa Verde. Da vedere: Llanes, Gjion, Cudillero e Luarca.

Ancora, Rias Altas, offre una delle più spettacolari scogliere tipiche di tutta  la Galizia fino al Golfo Artabro oltre il quale troviamo la celebre Coruna. Ai confini con il Portogallo troviamo le numerose calette della Costa da Morte (anche questa zona molto frastagliata) tra cui Cabo Finisterre, e il tratto finale delle Rias Baixas.

Un salto di diverse centinaia di chilometri, ci porta al sud, oltre la costa Portoghese, alla destra dello Stretto di Gibilterra. Siamo ancora in Oceano Atlantico, e le caratteristiche sono molto simili a quelle della Costa Basca e della Galizia. Ma il clima è decisamente più temperato, tipico dell’Andalusia. Da prendere in considerazione le località di Punta Umbria e Sanlucar de Barrameda.

Da qui, ci spostiamo di nuovo in direzione del sol levante, per incontrare quella parte dell’Andalusia, oltre lo Stretto, bagnata dal più mite e protetto mare Mediterraneo. Le prima a venirci incontro sono le stupende spiagge della Costa del Sol, con località turistiche di fama internazionale come MarbellaFuengirola, Torremolinos e Nerja. A seguire la Costa Tropical di Almunecar e Motril fino a giungere alla selvaggia bellezza della Costa de Almeria. Qui troviamo lo stupendo Parco Naturale di Gabo de Gata-Nijar, con l’omonima località, immersa nella natura.

Lloret-de-Mar

Raccomandiamo vivamente, un po’ tutta la zona dell’Andalusia, dove si possono trovare spiagge stupende, immerse totalmente nella natura selvaggia, un mare davvero pulito, ideale per gli sport acquatici, importanti e storiche città culturali a pochi passi dalla costa, ricchi di siti artistici e musei, e numerosi paesini dalla vivacissima vita notturna, ideale per giovani e non.

Continuando a risalire, sempre in direzione della Francia, incontriamo la Costa Calida, compresa tra Aguilas, Cartagena e San Pedro del Pinatar. Siamo ora nel litorale Valenciano che inizia con la Costa Blanca della zona di Alicante, la Costa di Valencia e la Costa del Azahar quasi in corrispondenza della foce dell’imponente fiume Ebro, linea di confine geografica con il litorale della Catalogna, ricco di stupende e affollate spiagge: la Costa Dorada di Terragona, la Costa del Garraf, con l’omonimo parco, al confine con la cosmopolita Barcellona, ricca di storia, di stupendi luoghi d’arte, di modernità e divertimento e un stupendo lungomare pieno di alte palme.

Inizia la Costa del Maresme e, a seguire, la più famosa e gettonata Costa Brava, con le località turistiche più amate e frequentate dagli italiani, come Lloret de Mar Tossa de Mar. La prima delle due è considerata la Rimini iberica, ricca di strutture alberghiere a 4 stelle, famose discoteche, spiagge affollate e movimentate, e una movida notturna per giovani in cerca del migliore divertimento possibile.

La costa, ora, diventa montuosa e frastagliata ed offre piccoli paesini e alcune località abbastanza famose che cercano di farsi spazio tra il verde dei costoni montuosi che scendono a picco sul mare, come Castel d’Aro e la più famosa Palamos, anche quest’ultima meta molto ambita dal turista italico. Bisogna arrivare al Golfo delle Rose per trovare lembi di terra dal litorale più dolce e adatto per la balneazione non estrema.

lloret-de-mar-spain-pic-getty

La parte orientale del Golfo è delimitata dal Parco Naturale di Cap de Creus che circonda completamente la cittadina di Cadaqués una delle ultime stupende località turistiche spagnole prima del confine francese.

Per quanto riguarda il discorso del low-cost, come detto in apertura del servizio, la Spagna offre opportunità per tutti i gusti e per tutti i portafogli: dai last minute e last second delle agenzie turistiche o siti turistici via web alla possibilità di cercarsi sistemazioni in case o in pensioni decisamente molto più economiche da affiancare a offerte di viaggio aereo, marittimo, su binario o con pullman convenienti e sempre a disposizione on line.

Ricordiamo, inoltre, che la Spagna, come la Grecia e come il nostro Bel Paese, sta subendo gli effetti negativi di una crisi economica duratura. Questo si traduce in un notevole abbassamento dei prezzi e nell’aumento di offerte e pacchetti convenienza per promuovere un turismo che rappresenta una fetta consistente del PIL nazionale. Non approfittarne è cosa poco intelligente!

Nato lo stesso anno in cui l'uomo sbarcò sulla Luna, l'autore ha intrapreso, all'inizio della propria adolescenza, gli studi scientifici, conseguendone la maturità verso la fine degli anni '80. Da oltre 20 anni ha incominciato a lavorare nel campo dell'ICT, senza trascurare il proprio impegno in diverse attività sociali (in Croce Rossa, presso la Mensa don Tonino Bello e come educatore in Azione Cattolica).

California: scoperto condensatore che carica il cellulare in 30 secondi

Napoli 2013-2014: Benitez, Mancini o Montella per la panchina?