in

Vacanze low cost ma con stile? Ora è possibile!

Siamo agli inizi dell’Estate 2013 e gli esperti hanno già stimato che ben due milioni di italiani in più quest’anno resteranno a casa, rinunciando ad una delle abitudini più radicate nella cultura del Bel Paese: le vacanze estive.

sole_pelle

Eppure, quello italico, oltre ad essere poeta, santo e navigatore è anche  un popolo che sa “ingegnarsi” e correre ai ripari. Tante le soluzioni messe in cantiere, a cominciare dalla scelta di mete turistiche più vicine alla propria residenza, eliminando le più care (in termini di portafogli) località caraibiche o le capitali estere. A dimostrarlo sono, di nuovo, le statistiche che ci indicano come località balneari e città d’arte italiane (una volta appannaggio del turista straniero) stanno di nuovo spopolando tra le scelte dei connazionali.

Ad aiutare questa nuova categoria di turisti, scendono in campo due nuove compagnie online, come wimdu.it e Carpooling.it, che permettono di risparmiare sia sul viaggio sia sull’alloggio. Spesso, infatti, il low-cost rischia di diventare un vero e proprio incubo, se non opportunamente supportato da istruzioni per l’uso o anche tanti buoni consigli, dando così ragione ad un vecchio detto “risparmio non è mai guadagno“.

Ma a dimostrarci il contrario sono proprio gli addetti ai lavori di queste due piattaforme online. Tantissimi i consigli di Carpooling.it, ad esempio, sulla questione viaggi. In questo sito possiamo trovare davvero tante iniziative, consigli, occasioni, promozioni, etc., ad esempio su come evitare di prenotare inutili e costosi viaggi in treno o aereo e optare per la formula della condivisione di automobili con altre persone, dividendo le spese e abbattendo i costi di viaggio, ma anche effettuando spostamenti eco-friendly (una automobile con 4 persone inquina meno di due auto, ciascuna con a bordo due persone). E poi è anche una occasione per conoscere altre persone.

mezzi di trasporto

Molte indicazioni anche sullo spostamento locale, da fare attraverso il sistema del bike sharing, offerto sempre più da numerose amministrazioni di città d’arte e turistiche, che permetterebbero di risparmiare biglietti di bus, metrò e mezzi cittadini, che in questi periodi hanno risentito di molto dell’aumento dei prezzi.

Molto importanti sono anche i servizi offerti da wimdu.it, una piattaforma che mette a disposizione dei vacanzieri gli alloggi dei privati cittadini di città turistiche e località balneari. I vantaggi di una tale formula sono riscontrabili sicuramente in un abbattimento dei costi di pernottamento, rispetto ai più costosi residence e strutture alberghiere. Ma non solo. Infatti, è possibile usufruire di pernottamenti in gruppi di più persone, usufruendo di tutti i comfort assicurati da un vero appartamento. L’uso della cucina, inoltre, permette di risparmiare anche su ristoranti, pizzerie e affini, i cui costi soprattutto nelle città d’arte diventano perfino proibitivi.

Un ultimo non trascurabile vantaggio è offerto dalle informazioni che i padroni di casa mettono a disposizione dei loro ospiti, preziosissimi consigli per il risparmio basati su quali supermercati conviene fare la spesa, a quali ristoranti affidarsi ma anche informazioni turistiche su eventi, sagre, manifestazioni e siti d’arte visitare. Tenendo conto che gli appartamenti sono, di solito situati nelle zone centrali delle città turistiche o vicino al mare nelle località balneari.

C’è anche un importante aspetto etico da tenere in considerazione, quello del cosiddetto “consumo collaborativo“. Investendo i propri soldi per le vacanze presso questi privati, contribuiamo ad arrotondare il loro stipendio, permettendo anche a loro di andare in vacanza. Un buon motivo, non c’è che dire. Vediamo, in concreto, anche qualche esempio proposto dallo stesso wimdu.it.

Se vi interessa la città più romantica del mondo, il sito vi offre un appartamento per quattro persone a Venezia, a due passi dalla Biennale, per una full immersion nell’arte contemporanea. Al costo complessivo di € 131 a notte (solo € 32 a persona) che rispetto alla ben più costosa media di € 281 per notte, è un prezzo di tutto rispetto.

offerta 1 wimdu biennale venezia

http://www.wimdu.it/offers/5ELSW3B0

Altro discorso in Sicilia, dove gli albergatori della Regione sono corsi ai ripari (come accennato da tutti i media, anche noi di Urban Post) mantenendo bassi i prezzi delle proprie strutture. Si parla di una media di € 100, eppure wimdu.it offre uno spazioso appartamento a Trapani a due passi dalla spiaggia a soli € 44 al giorno.

offerta 2 wimdu trapani

http://www.wimdu.it/offers/8256D83L

Per Firenze, invece, la piattaforma offre un appartamento davvero stupendo nella zona di San Frediano in Oltrarno per solo € 76 a notte, a fronte dei € 165 di media degli alberghi fiorentini, come emerge da alcune indagini effettuate da Trivago.

offerta 3 wimdu firenze

http://www.wimdu.it/offers/8L0AJ3GY

Possiamo allora dire che Wimdu.it è una vera e propria comunità internauta che rappresenta un punto di incontro tra viaggiatori e proprietari di alloggi, in tutto il mondo. Offre ai primi la possibilità di viaggiare come se fossero abitanti del posto. Mentre i locatori hanno la possibilità di arrotondare lo stipendio affittando camere e appartamenti extra, pubblicando sul sito le loro offerte e offrendo ai vacanzieri una vasta scelta di soluzioni, mete e alloggi in base alle loro esigenze e preferenze. E, ovviamente, al badget destinato alla vacanza.

Oltre 150.000 gli alloggi in lista nel sito, in più di 100 paesi del mondo: dai piccoli nascondigli nel centro di Berlino fino ai sontuosi castelli (sì, avete capito bene!) della stupenda Inghilterra. Ideatori di questa piattaforma di scambi sono Hinrich Dreiling e Arne Bleckwenn, due imprenditori che nel 2011 decisero di rifarsi al modello dei social media per cambiare il modo di viaggiare dei turisti nel mondo, a vantaggio di tutti.

linea gialla

Salvo Sottile in prima serata su La7: l’annuncio su Twitter

gioerge clooney

Da Clooney a Pattinson, la classifica degli “scapoli d’oro” di Hollywood