in ,

Varese, lite per un videogame: padre accoltella figlio 15enne e si suicida

Tragedia a Morosolo, frazione di Casciago (Varese), in provincia di Varese. Giuseppe Basso, un imprenditore di 53 anni, titolare della “Tecno Steel”, azienda che produce armadi in lamiera per server informatici, ieri dopo una lite ha pugnalao il figlio 15enne, colpendolo con tre coltellate, due alla schiena e una al fianco. Il diverbio sarebbe nato a causa di un videogame, fonte di distrazione per il giovane che negli ultimi tempi veniva spesso rimproverato dal genitore il quale lo accusava di trascorrere troppo tempo a giocare anziché dedicarsi allo studio.

Colto dall’ira, l’uomo, dopo aver ferito il figlio si è allontanato in auto per recarsi a Brunello, nella sede della sua azienda. Lì si è chiuso in uno stanzino e poi si è accoltellato al petto utilizzando la stessa arma con cui poco prima aveva ferito il figlio. Quando le forze dell’ordine sono giunte sul posto, l’imprenditore era già morto. Il 15enne si trova ricoverato nell’ospedale di Varese e fortunatamente non è in pericolo di vita.

Voti Fantacalcio

Genoa – Milan: voti fantacalcio, gol e ammonizioni

Leroy Merlin offerte di lavoro dicembre 2014

Leroy Merlin assunzioni 2015: ecco le ultime offerte