in

Varese ragazza 15 anni sfregiata in pieno centro: «Ha estratto un coltello e urlato ‘vi uccido’ »

Le strade di Varese non sono più sicure per nessuno, proprio nella serata di ieri, domenica 13 ottobre 2019, una ragazza di soli 15 anni è stata aggredita e sfregiata da un uomo. Probabilmente un pazzo a bordo di una bicicletta che senza un perché ha scelto di scagliarsi contro due ragazzine. Una delle due è riuscita a fuggire ed avvertire i soccorsi. L’uomo è scappato, ma la polizia è già sulle sue tracce con un identikit molto chiaro. La ragazzina aggredita si trova in ospedale per le ferite subite.

varese ragazza 15 anni aggredita

Varese, ragazza 15 anni sfregiata

Doveva essere una serata come un’altra. Due ragazzine di soli 15 anni avevano trascorso qualche ora con il loro amici in centro a Varese e proprio quando stavano tornando a casa è successo il fatto. Stavano aspettando i loro genitori quando uno sconosciuto, in sella a una bicicletta, dopo essere loro passato davanti, è tornato indietro e si è scagliato contro la quindicenne. L’uomo, descritto sulla cinquantina, i capelli lunghi e una cicatrice sul volto, senza apparente motivo avrebbe estratto il coltello dalla tasca urlando “vi uccido”, per poi ferire la ragazzina. La sua amica è invece riuscita a scappare e ha raccontato tutta la vicenda a VareseNews.

varese ragazza 15 anni aggredita


Leggi anche: Jessica trovata morta in un canale a Prevalle: tracce del suo sangue sul divano dell’amico

La testimonianza della ragazza

“Eravamo in attesa di mia mamma, dopo aver passato la serata in centro, insieme ad altri nostri amici. Ad un certo punto questo signore si è avvicinato, ha cominciato a urlare ‘Vi ammazzo’ e ha tirato fuori un coltello seghettato. Io l’ho visto in faccia, ho visto che aveva una cicatrice ben visibile e del sangue in testa e sul volto. Sembrava italiano. Ha preso la mia amica e le ha dato due coltellate, ferendola in viso, sotto l’occhio, e sul braccio. Io sono scappata, sono riuscita a chiamare il 118 e ad arrivare ad un bar e a chiedere aiuto: sono uscite un po’ di persone e lo squilibrato che ci ha aggredite è scappato”.

Poi aggiunge con le lacrime ancora in volto: “La mia amica si è trascinata fino in via Carducci. Poi è arrivata una volante della polizia e l’ambulanza che ha portato la mia amica in ospedale: le hanno dato i punti e l’hanno medicata, i medici dovranno valutare se intervenire chirurgicamente, l’ha colpita sul volto sfregiandola”.

Il Santo del giorno 14 ottobre: San Callisto I

Ciccio e Tore, parla il padre accusato ingiustamente di averli uccisi: il drammatico racconto e la verità che ancora manca