in

Vende un rene per comprare iPhone e iPad: diciassettenne costretto alla dialisi a vita

Sembra una notizia assurda invece risponde a verità. L’adolescente che ha venduto un rene per l’equivalente di circa 2.600 euro si chiama Xiao Wang e proviene dall’Anhui, una delle province più povere della Cina, dove gli abitanti spesso partono per trovare lavoro e una vita migliore altrove. Nel 2011 l’allora diciassettenne vendette un rene per racimolare il denaro necessario per acquistare un Iphone e un Ipad. La notizia veniva trasmessa dal Daily Mail, un quotidiano inglese: oggi, dopo 8 anni il giovane Wang è costretto alla dialisi giornaliera e questa sarà la sua vita, per sempre. Il consumismo sta decisamente eccedendo i confini del reale e assume, sebbene non vi siano notizie di casi analoghi, dimensioni spaventose e avvilenti. I sogni dei giovani di oggi li portano a desiderare l’ultimo modello di smartphone, di scarpa o di qualsiasi altro bene di consumo, talvolta barattati a costo della salute, tutto per guadagnarsi l’agognata inclusione sociale.

Wang vende un rene per acquistare un iphone e un ipad, cina

Vende un rene per acquistare un Iphone: ora è in gravi condizioni di salute, il caso

Correva l’anno 2011 e Xiao Wang aveva 17 anni. Il giovane, oggi venticinquenne, aveva un sogno: possedere l’ultimo modello di iPhone e di iPad, tutto in nome dell’accettazione sociale. Attraverso alcuni intermediari era riuscito a organizzare il tutto all’insaputa dei genitori e si sottopose ad un intervento di asportazione renale – non si sa in quali condizioni igieniche – per racimolare 2.600 euro spendibili in tecnologia, iPhone e iPad, appunto. I responsabili indagati dall’Autorità giudiziaria competente sul territorio furono 5, tra cui il chirurgo che effettuò l’intervento. L’accusa era di lesioni volontarie e oggi si è giunti a condanna: pene comprese fra i 3 e i 5 anni di carcere, tre anni per due dei medici presenti durante l’intervento. Uno degli imputati aveva ricevuto 220.000 Yuan (26.000 euro circa) per organizzare il trapianto. Al giovane aveva versato 22.000 Yuan (2.600 euro) e il resto l’aveva diviso con il medico e gli altri tre. Oggi Xiao Wang soffre di insufficienza renale, secondo l’agenzia governativa Xinhua News e sarà costretto alla dialisi a vita.

I genitori del giovane vennero a conoscenza dell’accaduto solamente ad operazione conclusa: a loro sono andati circa 170.000 euro di risarcimento danni. Tutto quel denaro in possesso del giovane Xiao insospettì la madre che indagò la questione scoprendo la verità a tragedia compiuta. Le condizioni in cui vivono gli abitanti della regione di provenienza di Wang sono di estrema povertà: lo stipendio medio di un lavoratore si aggira intorno ai 1.200 yuan (150 euro). Prodotti come iPhone e iPad costano rispettivamente 3.988 yuan (482 euro) e 2.988 (361 euro), cifre davvero inaccessibili per giovani come Xiao. Il fenomeno del consumismo di stato in Cina si sta rivelando davvero pericoloso; si pensi che in concomitanza con le date di uscita degli ultimi modelli di smartphone fuori dai negozi che rivendono questo tipo di tecnologia si creano risse e grandi disordini per accaparrarsi i pezzi disponibili. Oggi Xiao vive grazie a dei sussidi sociali e spende tutto in trattamenti medici e farmaci perché ha bisogno costantemente di cure a causa di quel rene che gli mancherà per sempre.

Leggi anche la storia di un sogno sano –> Vende i propri giocattoli per comprare i biglietti della sua squadra del cuore: la storia di Renzo, il bambino che ha commosso il web

Ligabue nuovo singolo “Luci d’America” in uscita domani: a marzo l’album, in estate il tour

Parabrezza appannato dell’auto: per rimediare basta un calzino