in ,

Veneto lavoro, dirigenti senza Laurea beccati in Regione: ecco cosa succede

Veneto, il governatore Luca Zaia ha ordinato di passare al setaccio i titoli di studio dei dirigenti della Regione e a Palazzo Balbi. Durante questi controlli, con una certa sorpresa, si è scoperto che due manager hanno vantato in questi anni lauree che non risultano affatto negli archivi delle università che avrebbero dovuto rilasciarle. Si tratta dell’ex dirigente del Progetto Venezia Giovanni Artico e del responsabile della segreteria della Commissione di salvaguardia di Venezia Enrico Tagliati.

—> TUTTO SUL MONDO DELLA CRONACA

Per i due dirigenti della Regione Veneto, come riporta l’edizione veneta del Corriere della Sera, è scattata la segnalazione alla procura e alla Corte dei conti. E potrebbe non essere finita qui. La Regione, infatti, ha deciso di estendere i controlli anche ai dirigenti provenienti dalle Province e passati “sotto il suo tetto”, con immediato successivo distacco, dopo la riforma Delrio.

—> LE ULTIME NOTIZIE CON URBANPOST

I controlli in Regione hanno avuto inizio nel settembre del 2015 quando Zaia, da poco rieletto presidente, ha ordinato al segretario della Programmazione Luca Felletti di controllare sussistenza e veridicità dei titoli di studio esibiti dai vertici dell’amministrazione, e cioè dai dirigenti e dalle posizioni organizzative (le P.o. in linguaggio burocratico), anche ai fini della correttezza delle progressioni di carriera.

gran sasso morti due sciatori

Val di Susa, trovati morti due scialpinisti e la guida dispersi da ieri: deceduti in modo atroce

Sci alpino, Mondiali St. Moritz 2017: dove vedere in tv, info Rojadirecta e streaming gratis lo Slalom Speciale femminile