in

Venezia 71, Belen Rodriguez snobbata da Giovanni Cottone al party per Abel Ferrara

Ieri approdata in Laguna, Belen Rodriguez pare aver ridato vita al red carpet della Mostra del Cinema di Venezia 2014: tutti i riflettori si sono infatti accesi su di lei, meravigliosa e disinvolta al fianco del marito Stefano De Martino. Ma ormai si sa, al nome di Belen il popolo si divide, tanto che la sua presenza al Lido avrebbe scatenato non poche polemiche. Tra le tante, quella animata da Giovanni Cottone, ex marito di Valeria Marini, il quale non avrebbe gradito la presenza della showgirl argentina alla prestigiosa kermesse!

Belen Rodriguez

La Rodriguez ha preso parte alla Mostra del Cinema di Venezia 2014 in qualità di testimonial di Cotril spa, main sponsor del Festival. Per questo motivo avrebbe dovuto partecipare alla cena prevista ieri sera alla Palazzina G, a Venezia, organizzata in onore del regista Abel Ferrara e del suo lungometraggio “Pasolini”. Pare però che Giovanni Cottone, tra i massimi esponenti di Akai Italia, uno dei distributori del film “Pasolini”, abbia mostrato dissenso nei confronti della Rodriguez, ritenuta troppo nazionalpopolare rispetto agli altri ospiti di elevato rango e intelletto presenti alla cena.

Belen non ha dunque presenziato al mega party per Abel Ferrara, considerato il “rischio” di abbassare il livello della festa. Ma, alla faccia di Giovanni Cottone, è comunque riuscita a diventare in pochi minuti la protagonista indiscussa del red carpet, sfoggiando uno charme invidiabile, oltre che un abito da vera diva. A far parlare è stata anche la rimozione, a quanto pare momentanea, dell’enorme tatuaggio sul braccio dedicato al marito Stefano.

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Belen Rodriguez

Belen Rodriguez a Venezia con Stefano De Martino: che fine ha fatto il tatuaggio sul braccio?

Il boom degli oratori in Italia all’epoca del web 2.0: perché?