in ,

Ventenne violentata a Rimini: arrestato un uomo, ad incastrarlo treccine e telefono

Incastrato da una telefonata e dalle lunghe treccine, le stesse descritte dalla giovane 20enne violentata a Rimini la notte di Ferragosto. Ventisette anni, di origini senegalese e residente a Novara, è l’uomo fermato in nottata dalla task force della Polizia di pattuglia sul lungomare.

Il ragazzo arrestato corrisponde perfettamente all’identikit fornito dalla vittima della violenza: carnagione scura, treccine, barba, maglia rossa, pantaloni neri, accento del nord. Il senegalese, regolare in Italia, parla molto bene l’italiano con un tipico accento piemontese. La conferma dei sospetti è arrivata con la verifica dei numeri telefonici memorizzati nel cellulare del ragazzo: in rubrica il numero della vittima.

Secondo quanto testimoniato dalla 20enne violentata, vi sarebbe stato un primo contatto consenziente tra lei e il senegalese, poi sfociato nello stupro dopo che la ragazza, troppo stordita dall’alcol, si era tirata indietro. La giovane di Monza ha confermato che l’uomo ritratto nelle foto segnaletiche corrisponde al suo stupratore.

Photo credit: gongTo/Shutterstock

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Pensioni 2017 riscatto gratuito della laurea e bonus donne

Riforma pensioni 2015 ultime novità: richieste dell’Opzione Donna anche per gli uomini e misure per i lavoratori precoci

Laura Pausini polemica radio

Laura Pausini News 2015: la cantante punta il dito contro le radio