in ,

Verissimo Bruno Vespa parla di Massimo Giletti: “Mi dispiace sempre quando qualcuno se ne va”

A Verissimo Bruno Vespa ha parlato di Massimo Giletti. Il giornalista e conduttore di Rai 1 a Silvia Toffanin, presentando il suo ultimo libro, ha detto: “Mi dispiace sempre quando qualcuno se ne va, però è anche bello cambiare, anche se io non l’ho mai fatto” ed aggiunto: “Finché la Rai mi lascia lavorare serenamente rimarrò, se questo non dovesse più succedere allora non so”.

> LEGGI QUI TUTTE LE NEWS SUI PROGRAMMI TV 

Nella puntata del noto rotocalco in onda sabato 18 novembre 2017 dalle 16:20 circa su Canale 5, Bruno Vespa, seduto vicino a Silvia Toffanin per la consueta intervista, ha così commentato l’uscita dalla Rai di Massimo Giletti. Il collega è approdato, dopo una lunga e travagliata estate su La 7 e ha debuttato domenica 12 novembre 2017 con Non è L’Arena, il suo nuovo programma, ottenendo un ottimo riscontro da parte dei telespettatori. Vespa è sembrato molto attaccato al suo programma tv tanto da specificare che se dovessero cancellare anche la sua trasmissione: “Mi spiacerebbe perché sono molto affezionato a Porta a Porta” concludendo il suo pensiero ventilando la possibilità, seppur molto remota, di abbandonare la Rai: “Mai dire mai! Finché la Rai mi lascia lavorare serenamente rimarrò alla Rai, se questo non dovesse più succedere allora non so”.

Raccontando, infine, alcuni aneddoti legati alla sua vita, Bruno Vespa a Verissimo ha detto: “Un maestro, quando ero in quarta e quinta elementare non mi ha protetto da piccoli episodi di bullismo. Il figlio di una persona molto importante mi perseguitava. Mio padre protestò, ma il maestro era completamente dalla parte del mio compagno”.

Seguici sul nostro canale Telegram

appello per trovare madre naturale

Belluno, 29enne adottata fa appello per trovare madre naturale, lei risponde: “Sei nata da una violenza, non cercarmi più”

Caso Brizzi, parla il legale del regista: “Sconcertato dalla modalità con cui tutti questi avvenimenti sono stati rappresentati”