in

Verona, bambina di 10 anni colpita dal tetano: non era vaccinata

Una terribile notizia è giunta poche ore fa da Verona. Una bambina di solo 10 anni è stata colpita da un’infezione da tetano. La bambina è ricoverata in terapia intensiva pediatrica all’ospedale di Borgo Trento a Verona. Le sue condizioni sono stazionarie, ma la prognosi resta riservata. La piccolina avrebbe contratto l’infezione a causa di una ferita al ginocchio provocata da una caduta mentre stava giocando. Febbre, sudorazione e dolori muscolari erano i sintomi con cui la bambina si è presentata in ospedale. I medici hanno immediatamente pensato al tetano e sono intervenuti tempestivamente con la cura. Al momento non resta che aspettare e vedere se la cura riesca a fare effetto. La bambina inoltre non risulta vaccinata e questa cosa ha scatenato una vera e propria polemica.

Leggi anche –> Montemarciano, Mattia Macchia si è svegliato dal coma

La bambina non era vaccinata, scattano le polemiche

Le condizioni della piccola di 10 anni sono davvero critiche. L’infezione da tetano è davvero molto pericolosa, non si può fare altro che aspettare e sperare che la terapia con immunoglobuline funzioni. Dall’ospedale di Verona hanno fatto sapere: «La piccola paziente è sotto controllo giorno e notte. Decisiva per le sue condizioni di salute è stata la tempestività della diagnosi perchè non si pensa subito al tetano». Il fatto però che la piccola non fosse vaccinata ha scatenato una vera e propria guerra. Il dottore Roberto Burioni, attivo da sempre contro la campagna no vax, ha commentato il caso su Facebook.

Roberto Burioni spiega cos’è il tetano

Roberto Burioni ha scritto così su Facebook: «Sul tetano girano tantissime bugie. I somari antivaccinisti sostengono che non è un pericolo reale per chi non vive a contatto con gli animali, che basta pulire le ferite con acqua ossigenata per evitarlo, che si può prevenire con la vitamina C e che spesso si è immuni naturalmente. Tutte scemenze. Il pericolo è ovunque, anche una piccolissima ferita può provocarlo, l’acqua ossigenata e la vitamina C sono inefficaci e soprattutto non esiste una immunità naturale. Anche chi ha preso il tetano ed è guarito non è immune. L’unico modo per essere protetti è vaccinarsi». In Veneto ci sono già stati altri casi d’infezione da tetano tra il 2010 e il 2017, ma per la prima volta si tratta di un paziente così piccolo.

Leggi anche –> Obbligo vaccini, Barillari (M5S): «La scienza deve essere democratica. Non ci si può affidare ad uno come Burioni»

Vittorio Feltri: «Camilleri? Mi dispiace se muore, ma così Montalbano non mi romperà più i cogli**i!»

Melissa Satta fidanzata, nuovo amore dopo Boateng? Le parole dell’ex velina