in

Vespe ‘aliene’: rischio di nuove allergie da veleno in Italia

L’aumento delle temperature è fenomeno globale. I suoi effetti non si limitano allo scioglimento dei ghiacciai, ma hanno ripercussioni su tutte le specie viventi. L’ultimo in ordine di tempo è la migrazione di insetti da Cina e Medio Oriente. Tra questi, si contano anche esemplari di vespe e calabroni velenosi. Diverse specie stanno arrivando fino in Italia, attirate dal clima a loro più favorevole, con temperature elevate registrate più a lungo durante l’anno. L’allarme, tuttavia, non è tanto quello di maggiore possibilità di venire punti. Ciò che è ritenuto più pericoloso dagli esperti è l’insorgenza di allergie a nuovi veleni causata dalla migrazione in massa di queste specie alloctone.

La Società Italiana di Allergologia, Asma e Immunologia Clinica (SIAAIC), durante il 30/mo congresso nazionale a Firenze l’ha voluto mettere in chiaro. I rimedi che oggi abbiamo in Italia per contrastare gli effetti veleniferi dei nostri insetti potrebbero presto non bastare più. Se oggi possiamo contare su rimedi tossicologici e vaccini per contrastare quelli dei nostri insetti, con l’avvento di nuovi imenotteri i centri di pronto soccorso potrebbero trovarsi impreparati. In Italia si contano 400 mila persone che sviluppano allergie al veleno degli imenotteri, ed il cui contatto con essi li può portare a shock anafilattici gravi.

Per spiegare meglio la situazione, ha parlato Walter Canonica, presidente del SIAAIC. “La Vespa orientalis, che era presente solo in Sicilia, sta risalendo la penisola trovando un ambiente proficuo. Situazioni ambientali nuove possono portare inoltre a comportamenti diversi. Nidi di vespa prima annuali possono così diventare perenni.” Anche la vespa velutina, originaria della Cina, è arrivata in Italia attraverso il traffico di merci e persone. Una specie, spiega Canonica, che si sta diffondendo in particolare in Piemonte e Liguria. Un episodio che riporta l’attenzione sull’importanza dei vaccini da veleno degli imenotteri. Questi, efficaci sulle specie note, sono utili nel 97 per cento dei casi. Tuttavia, fanno sapere gli esperti, solo un italiano su sette ha scelto di utilizzarli.

photo credit: Rushen! {unidentified} bee – Kaeng Krachan National Park via photopin (license)

facebook workplace

Facebook Workplace, cos’è e come funziona: ora anche in versione gratuita

Loro Film Sorrentino Toni Servillo

Loro Film di Sorrentino su Berlusconi: Toni Servillo è Il Cavaliere, l’annuncio