in

Via Francigena nel Lazio: le tappe da Acquapendente a Roma, in viaggio nella natura

La Via Francigena è prima di tutto un percorso spirituale in grado di mettere in comunione la persona con la natura che la circonda. In principio un fascio di vie, dette anche vie Romee che portavano dall’Europa Centrale, come la Francia, a Roma. La Via Francigena del lazio, con le sue tappe, coniuga bellezze paesaggistiche, arte, cultura e spiritualità. Ecco quali sono le tappe principali.

1) Radicofani – Acquapendente: si parte con una discesa lungo la via Cassia in grado di regalarci splendidi paesaggi naturali, come il Monte Amiata e le colline che incorniciano il luogo. Una volta giunti ad Acquapendente, si consiglia di visitare il famoso museo della ceramica.

2) Acquapendente – Bolsena: qui è possibile visitare la Chiesa del Santo Sepolcro e la sua cripta, una tappa molto interessanti per tutti gli amanti della storia. Il Lago di Bolsena sarà il panorama perfetto che vi condurrà lungo il cratere del vulcano e in un percorso sali e scendi circondato da uliveti e boschi suggestivi. La chiesa Ottagonale di San Giovanni è un luogo da vedere assolutamente.

3) Bolsena – Montefiascone: il percorso prosegue sempre fra uliveti e zone boschive. Una sosta è lecita per chi vuole visitare le Catacombe e il Museo Archeologico del Lago di Bolsena.

4) Montefiascone – Viterbo: lungo questa tappa, nella prima parte, il cammino si snoderà sull’antico basolato della via Cassia, attraversando percorsi collinari e raggiungendo le famose terme di Bagnaccio, una meta perfetta per fare una pausa fra le sue pozze d’acqua calda. Per chi ama la storia, il museo del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa è da vedere.

5) Viterbo – Vetralla: lungo questo percorso, seguendo una piccola deviazione sarà possibile fare visita ai ruderi del Ponte Camillario e a una tomba etrusca non molto distante dal luogo. Campi e zone boschive saranno la cornice di un percorso sia in salita che in discesa, fino a condurre a Vetralla.

6) Vetralla – Sutri: la chiesetta della Madonna di Loreto è la prima piccola tappa che è possibile incontrare quando si parte per Sutri da Vetralla. Proseguendo si potranno visitare i ruderi della Torre D’Orlando, un antico monastero dal quale si raggiungerà il Borgo di Capranica e, poco dopo, Sutri.

7) Sutri – Campagnano di Roma: il percorso si sviluppa quasi interamente lungo un paesaggio di campagna. In seconda battuta si potranno raggiungere le Cascate del Monte Gelato e attraverso il Parco di Veio, lungo una strada sterrata, si arriverà a Campagnano di Roma.

8) Campagnano di Roma – La Storta: si riprende il cammino verso la Chiesa della Madonna del Sorbo, con la sua valle e, successivamente, il Borgo di Formello. Un tratto di percorso da affrontare con molta calma e prudenza è quello a guado del torrente Valchetta. Poco dopo si raggiungerà Borgo di Isola Farnese e La Storta.

9) La Storta – Roma: l’ultima tappa della Via Francigena del Lazio si consumerà nella metropoli e vicina a una zona stradale, con un po’ di rischio e rumore a causa del traffico. Attraverso la Via Trionfale e Via Cassia si giungerà alle porte di Roma.

Vacanze agosto 2016 in Sicilia offerte

Vacanze low cost agosto 2016: offerte economiche, dalla Sicilia alla Puglia

prima volta geni

Dimmi da dove vieni e ti dirò come sei sotto le lenzuola: la “prima volta” è una questione di geni